Covid, infermiera jesina: «Nel mio cuore la forza dei pazienti, sono loro gli eroi» | Password Magazine

Covid, infermiera jesina: «Nel mio cuore la forza dei pazienti, sono loro gli eroi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Primo Maggio, anche questa ricorrenza ha contorni diversi ora che c’è il covid. Il pensiero va a chi lavora in prima linea per combatterla questa emergenza. Anche oggi infermieri e medici sono a lavoro per prestare cure e assistenza ai malati. Ce lo racconta l’infermiera jesina, la stessa che avevamo intervistato più di un mese fa: ora che al Carlo Urbani i pazienti covid stanno diminuendo, in reparto c’è un clima di maggior serenità.

«I pazienti piano piano migliorano e anche noi infermieri lavoriamo con il cuore più leggero – dice -. Vedere che i nostri sforzi, insieme a quelli dei medici e degli altri operatori, stanno dando dei risultati positivi è gratificante, ci dà coraggio e speranza. Prima eravamo in tunnel senza fine, ora si intravede la luce».

Stando ai dati del Gores, all’ospedale jesino ci sono attualmente 2 pazienti in terapia intensiva, nessuno in area semintensiva e solo 16 nel reparto covid: «In questo momento al Carlo Urbani alcuni dei reparti covid hanno chiuso, si sta cercando di far tornare tutto al normale regime di attività. Ci vorrà però del tempo – spiega l’infermiera -. La maggior parte dei pazienti sono vigili, collaboranti e anche se la strada per la ripresa è lunga, le loro condizioni cliniche lasciano ben sperare».

Vedere dei risultati per i sanitari è come annullare tutta la fatica e la stanchezza della condizione in cui hanno lavorato durante la fase acuta dell’emergenza: «Ognuno di noi è felice e soddisfatto quando un paziente viene trasferito in reparto di degenza o dimesso perché significa che starà meglio… Sono dei grandi traguardi che ci riempiono il cuore e gli occhi di lacrime di gioia».

Determinante è stato il lavoro di squadra con i colleghi: «Noi infermieri, anche provenienti da mille realtà diverse, ci siamo ritrovati a combattere insieme contro un nemico sconosciuto, in condizioni anormali e difficili – racconta – Abbiamo imparato a riconoscerci soltanto dagli occhi, prima che dal nome scritto sulla divisa. Abbiamo scoperto di essere più forti, più capaci, più umani di quello che credevamo o pretendevamo di essere. Abbiamo pianto insieme, ci siamo sentiti impotenti quando tutto andava male, ci siamo emozionati insieme di fronte ai primi dimessi».

infermieri Jesi, Carlo Urbani

Di momenti che lasciano il segno ce ne sono stati tanti: «Non dimenticherò mai la paura dell’ignoto negli occhi di ogni singolo paziente, quella donna che ha chiesto al medico se fosse arrivato il suo ultimo giro, le lacrime dei familiari dietro quel tablet.  Risuoneranno sempre nella mia testa le parole di un figlio ‘Abbraccialo forte da parte mia come se fosse il tuo babbo. E io con gli occhi pieni di lacrime e la voce strozzata nel rispondergli. Non posso scordare le volte in cui medici dicevano ‘Purtroppo per la signora X non c’è più niente da fare’ e il mio senso di impotenza nell’entrare in stanza della stessa paziente, trovarla affaticata ma vigile e consapevole, darle la forza che neanche io in realtà sapevo di possedere.  Nel mio cuore porterò la forza dei pazienti, perché i veri eroi sono proprio loro». La battaglia però non è ancora finita: «Non c’è da adagiarsi sugli allori, è fondamentale ora più che mai rispettare le indicazioni – aggiungi – Un secondo picco non è escluso in alcun modo. Non è questo il momento di cantare vittoria, sicuramente la canteremo domani… ma adesso bisogna tenere alta la guardia».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.