Covid, le Marche a rischio zona arancione | Password Magazine

Covid, le Marche a rischio zona arancione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Esperti chiedono un lockdown nazionale, come quello di marzo 2020, ma il neo premier Mario Draghi lavora all’ipotesi di un blocco soft solo nel week-end e in tutta Italia, riprendendo il modello del Natale.

A preoccupare sono soprattutto le varianti: l’inglese (circa il 18% dei nuovi casi di covid), la sudafricana e ora anche la brasiliana (già in Umbria, Toscana e un primo caso è stato registrato anche in Veneto).
Come ogni venerdì, domani saranno emesse le nuove ordinanze sui colori in base ai dati trasmessi oggi al Ministero.

Gran parte dell’Italia rischia di tornare in zona arancione, comprese le Marche, nonostante il tentativo del governatore Francesco Acquaroli di circoscrivere il virus nella sua variante inglese all’interno dei confini della provincia di Ancona, blindandone i confini in entrata e in uscita fino a sabato. «Nella giornata di venerdì – ha detto il presidente delle Marche  – ci sarà data comunicazione rispetto alla fascia di colore della nostra Regione per la settimana successiva e in questo momento nessuno ha ancora certezze a riguardo».

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 7399 tamponi: 4994 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2665 nello screening con percorso Antigenico) e 2405 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 10,7%). I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 532 (109 in provincia di Macerata, 264 in provincia di Ancona, 82 in provincia di Pesaro-Urbino, 37 in provincia di Fermo, 11 in provincia di Ascoli Piceno e 29 fuori regione).

I colori delle altre Regioni: si attende la nuova ordinanza

Anche l’Emilia Romagna rischia maggiori restrizioni, così come il Lazio, il Friuli Venezia Giulia e il Piemonte. ma anche Liguria, Umbria, provincia di Trento e Toscana. In bilico anche la Lombardia.

Potrebbero diventare zona rossa Abruzzo e provincia di Bolzano.

Si fa strada inoltre l’ipotesi di circoscrivere sul territorio nazionale micro-zone rosse per frenare la diffusione dei contagi: uno strumento già utilizzato in Umbria ed esteso anche in Lombardia che applica in lockdown in modo “chirurgico”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.