Covid, mobilitazione Confcommercio Marche: «Vogliamo data certa per riaprire» | Password Magazine

Covid, mobilitazione Confcommercio Marche: «Vogliamo data certa per riaprire»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – «Vogliamo un futuro, vogliamo una data per la riapertura». Questa la richiesta emersa questa mattina nel corso della manifestazione organizzata e promossa da Confcommercio Marche-Fipe (la Federazione dei Pubblici Esercizi aderente a Confcommercio) nel piazzale della Sede Direzionale Confcommercio Marche Centrali, ad Ancona. La pioggia non ha scoraggiato le imprese della ristorazione e somministrazione, dell’intrattenimento da ballo, balneari e che operano nel catering e banqueting rappresentate dalla Fipe Confcommercio.

«Vogliamo e possiamo riaprire – è la loro voce – assumendoci l’impegno di farlo in sicurezza e nel rispetto di tutte le regole previste da protocolli e normative». E ancora: «La nostra mobilitazione permanente ci porta quotidianamente e costantemente a lavorare per richiedere al Governo e alla Politica tutta, dei provvedimenti che siano in grado di creare presupposti seri per una totale e continua riapertura delle imprese e per ottenere mezzi di sostegno economico che siano ben più strutturati rispetto a quanto fatto sino ad oggi».

172074453_3969685059720990_1707776086623639518_n
Il vice presidente della Regione Marche Mirco Carloni

La mobilitazione, di carattere nazionale, si svolgeva contemporaneamente anche a Napoli, Firenze e Genova.
Alla manifestazione di Ancona hanno partecipato anche alcuni rappresentanti istituzionali per supportare le richieste di Confcommercio Marche: il vice presidente della Regione Mirco Carloni, il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli e il Presidente della Camera di Commercio Gino Sabbatini che hanno dato il loro contributo esprimendo il sostegno al mondo dell’imprenditoria.

Secondo l’Ufficio Studi Confcommercio Marche, per i primi tre mesi del 2021 si ipotizza una perdita di 2 miliardi di euro per il settore Terziario nelle Marche.

«Domani incontreremo il Governo e chiederemo una data certa per le riaperture delle imprese e dei servizi, che rischiano di sparire dopo un anno di chiusura – sono le parole del vice presidente Carloni – Oggi ad Ancona alla manifestazione di Confcommercio si è parlato di come il covid abbia fatto perdere alle sole Marche quasi 5 miliardi di PIL e bruciato 65 mila posti di lavoro. Il mondo del commercio, della ristorazione, della cultura, dello sport e dello spettacolo chiede di avere un futuro e poter programmare le riaperture in sicurezza».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.