Cristian Carrara nuovo direttore artistico della Fondazione Pergolesi Spontini. «Un teatro per tutti»

JESI – Cristian Carrara è il nuovo direttore artistico della Fondazione Pergolesi Spontini che ricoprirà il ruolo per il biennio 2019-2020, per la prima volta nella storia del Teatro Pergolesi la direzione viene affidata ad un compositore.

Cristian Carrara è considerato uno tra i compositori più brillanti della sua generazione, autore di musica sinfonica e cameristica, ma anche di opere destinate al teatro musicale e alla televisione. L’amministrazione comunale si vede soddisfatta della scelta portata avanti dalla Fondazione e in particolare dall’amministratore delegato, Lucia Chiatti e continuerà a stare al fianco della Fondazione durante questo percorso di crescita: «La Fondazione sta mantenendo gli impegni presi – commenta il sindaco Massimo Bacci – e devo quindi fare i complimenti alla struttura e a tutti coloro che ci lavorano».

Il nuovo direttore artistico si vede in linea con quanto fatto dalla Fondazione e vede il Teatro come lo scrigno dei sogni per il cittadino: «Siamo stati abituati a vedere il Teatro quasi come fosse un museo, quando invece è il luogo in cui si celebra la vita – spiega Cristian Carrara – e quello che vorrei fare è connettere il teatro con la vita del cittadino di Jesi e per quelli dei comuni limitrofi, affinché si veda nuovamente il teatro come parte integrante della vita di ognuno di noi». Con queste parole non poteva essere più d’accordo l’amministratore delegato della Fondazione che condivide in pieno l’idea di teatro e di educazione al teatro che ha il compositore: «Carrara ci è sembrata subito la persona ideale per condividere il percorso che stiamo intraprendendo sia per il profilo professionale sia per la sua spiccata sensibilità verso il territorio e il sociale – commenta Lucia Chiatti – e questo ci è sembrato fondamentale per noi perché vogliamo fare insieme questo percorso di restituzione del valore del teatro al territorio jesino e a tutti coloro che sono coinvolti nelle nostre attività».

E allora, benvenuto Cristian e buon lavoro!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*