Cristiano Taviani è il nuovo presidente del CSI provinciale di Ancona | Password Magazine

Cristiano Taviani è il nuovo presidente del CSI provinciale di Ancona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Cambio al vertice nel comitato provinciale CSI (Comitato Sportivo Italiano) di Ancona: il nuovo presidente è Cristiano Taviani, da 21 anni nell’associazione e negli ultimi tempi in qualità di vice presidente al fianco dell’uscente Luca Giampaoletti rimasto in carica per quattro legislature.

A fianco di Taviani nel direttivo del consiglio provinciale 2021/2024 anche: Daniele Tassi, Emanuele Corinaldesi, Francesco Visani, Anna Giarlo, Luca Giampaoletti, Gabriele Cappella, Nicola Grilli e Nicola Falappa.

L’elezione del nuovo presidente è avvenuta durante l’assemblea del 15 febbraio, slittata di un anno a causa del covid.

A Taviani spetta il compito di guidare e traghettare le attività del comitato fuori dall’emergenza sanitaria: «Ho accetto questo incarico perché da sempre credo nella mission del CSI. C’è molto entusiasmo nella nuova squadra del direttivo, un team molto valido con otto consiglieri di grande esperienza. Ci aspetta un percorso di formazione in vista di una possibile riapertura delle attività sportive e di poter ripartire al più presto».

La “sete” di conoscenza è necessaria per costruire un futuro solido allo sport di base, dopo lo stop imposto dalla pandemia.

Essendo il CSI un ente riconosciuto dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), alcune discipline sportive agonistiche con Campionati a livello nazionale sono potute proseguire, come per esempio il tennis tavolo, mentre altre, come gli sport di squadra e di contatto, si sono dovute necessariamente fermare.

La mission del CSI della Provincia di Ancona, comune a quello degli altri CSI diffusi sul territorio nazionale, è quello di generare futuro e costruire nuove realtà. «C’è un nuovo e percettibile clima di entusiasmo. Prima di questa nuova impennata di contagi, spiragli di apertura per lo sport si cominciavano a intravvedere ma la prudenza ci deve accompagnare sempre, insieme all’attenzione verso i protocolli e al rispetto delle norme – spiega Taviani – la tutela della salute è demandata prima di tutto a noi stessi e ai nostri comportamenti. Torneranno presto le attività sportive, più avanti i corsi e i campionati. È nostro compito generare futuro, costruire nuove realtà».

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.