Criticità "Carlo Urbani", entro giugno un tavolo di confronto con la Regione | | Password Magazine

Criticità “Carlo Urbani”, entro giugno un tavolo di confronto con la Regione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Un ospedale che fa acqua da tutte le parti». A battere i pugni sul tavolo è la consigliera grillina Claudia Lancioni che, durante il Consiglio comunale di ieri, chiedeva con una mozione di «impegnare il sindaco di Jesi a richiedere in sede di Conferenza dei Sindaci dell’Area Vasta 2 la Sfiducia del Direttore Generale Ing. Maurizio Bevilacqua». La mozione è stata respinta però con 17 voti contrari su 21 consiglieri presenti: «Diciamo no perché è un documento inattuabile. Il problema può essere risolto diversamente», ha spiegato il sindaco Bacci ribadendo con forza l’impegno dell’Amministrazione comunale e, in particolare, dell’assessora alla Sanità Quaglieri per risolvere le criticità del Carlo Urbani.

Ne sono seguite quasi tre ore di discussione in aula, tra emendamenti proposti e bocciati, e poi infine la messa ai voti di una risoluzione “meno dura” ma comunque significativa, approvata dalla maggioranza: un documento che impegna l’Amministrazione comunale, a chiedere con forza, nelle sedi opportune e, in primis, nella conferenza dei sindaci, immediati e concreti provvedimenti per migliorare e comunque attenuare le criticità del Carlo Urbani”. Ad iniziare da: l’incremento del personale, ricostituzione delle figure apicali laddove ancora mancanti, definizione della situazione del Pronto soccorso, realizzazione di una Casa della Salute, soluzioni per il reparto di Bronco-pneumologia, riduzione delle liste d’attesa.

L’Amministrazione si impegnerà altresì a convocare “un tavolo di confronto con la Regione, unico responsabile dell’attuale gestione, operatori del settore, parlamentari, sindaci del territorio da tenersi entro la metà del mese di giugno” per “valorizzare e non depauperare un patrimonio di esperienze, professionalità ed impegno quale quello del nostro ospedale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.