Croce Rossa di Castelplanio: un nuovo libro a scuola per allenarsi alla solidarietà | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Croce Rossa di Castelplanio: un nuovo libro a scuola per allenarsi alla solidarietà

Croce Rossa Castelplanio

CASTELPLANIO – A lezione di primo soccorso con i Volontari della Croce Rossa Italiana – Comitato locale di Castelplanio e un libro speciale da leggere con occhi, mani, cuore. È il progetto “Un nuovo libro a scuola”, giunto quest’anno alla sesta edizione, che sabato 6 maggio ha impegnato nella mattinata oltre cinquecento ragazzi delle scuole secondarie di Moie, Castelplanio e Pianello Vallesina a riconoscere e gestire il soccorso in caso di arresto cardiaco, a supportare le funzioni vitali fino al momento dell’arrivo del 118 praticando le manovre salvavita.

«Divulgare la cultura del primo soccorso è uno degli impegni prioritari della nostra associazione – ha detto Samuele Luzi, istruttore e delegato Area Salute- Questo progetto ideato e promosso dalla CRI di Castelplanio dal 2011, primo in Italia nel suo genere, vuole educare i preadolescenti alle tecniche del BasicLifeSupport. Con questo “nuovo libro”, dotato di un manichino chiamato MiniAnne, possono esercitarsi anche a casa, con la famiglia, grazie all’aiuto di un DVD presente nel kit. Il manichino ha un meccanismo integrato a scatto per il corretto svolgimento delle compressioni del massaggio cardiaco su adulti e bambini. È quindi un libro da leggere e da vivere e in soli trenta minuti permette insegna a salvare una vita. Come ripetiamo sempre, la cultura del BLS e di un buon RCP è fondamentale per promuovere comportamenti corretti in situazioni di urgenza. »

Agli studenti delle classi prime è stato consegnato Mini Anne, il kit di autoapprendimento sulla rianimazione cardiopolmonare, mentre gli alunni delle classi seconde e terze si sono esercitati con quello già donato dalla CRI gli anni scolastici precedenti. Curiosi, interessati e desiderosi di imparare, i giovanissimi sono subito entrati in sintonia con i volontari, che hanno proposto i contenuti anche in modo interattivo.

«Se mi trovo solo che cosa devo fare? Come mi comporto se una persona, a causa di un incidente, si trova incosciente in mezzo ad una strada? Queste le domande ricorrenti, soprattutto delle prime classi, che ci hanno lasciato cogliere l’interesse e la voglia di imparare. Molto gratificante anche vedere che gli studenti più grandi, di seconda e terza, si sono ricordati le sequenze da eseguire ed hanno praticato, in un unico ritmo, il massaggio cardiaco.» Così ha commentato Lorella Caciorgna, Istruttore CRI di Castelplanio, che ha seguito questo importante momento di contatto con gli studenti insieme a Fiorella Valentini – Infermiera Volontaria, Ilaria Rampino, Annalisa Ricci, Lucia Paciarotti, Marco Scortichini e Patrizia Vianelli – Pediatra.

«Questo progetto costituisce un prezioso ed organico contributo allo sviluppo di una  nuova cultura sanitaria. –ha dichiarato Emilio Procaccini dirigente scolastico dell’IC “Carlo Urbani” di Moie – L’acquisizione diffusa delle  tecniche di rianimazione cardio-polmonare, infatti, favorisce la creazione di un sistema sanitario integrato, in cui ogni cittadino può concretamente contribuire al miglioramento della qualità della vita nelle comunità territoriali.»

L’incontro è stato anche occasione importante per conoscere da vicino la Croce Rossa, i sette Princìpi umanitari che la guidano e ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità. Le attività della CRI si fondano su una visione globale dei bisogni, sulla cui base vengono modellati i servizi da svolgere, che non riguardano solo il settore della salute. «Oltre a proteggere e tutelare la vita – ha spiegato Luzi – promuoviamo l’inclusione sociale, per aiutare le persone più fragili a sviluppare le loro capacità e per costruire comunità più forti ed inclusive. Lavoriamo per garantire un’efficace e tempestiva risposta alle emergenze, attraverso la formazione dei cittadine e l’aiuto alle popolazioni colpite da calamità. Nelle emergenze, come il terremoto che ha colpito la nostra regione, oltre ai soccorritori, servono anche volontari preparati per il supporto psicologico e per creare momenti di socialità, per superare lo sconforto e ricostruire fiducia e speranza. C’è poi uno specifico settore dedicato allo sviluppo dei giovani e alla promozione di una cultura della cittadinanza attiva».

Tra linguaggi diversi – parole, immagini, tecnologia– e la pratica attiva, un allenamento all’altruismo e alla solidarietà, dunque: l’inizio di un cammino per i giovanissimi, i primi passi verso una cittadinanza attiva e impegnata a rispondere ai bisogni e alle fragilità che incontreranno.

La Croce Rossa di Castelplanio ringrazia gli sponsor che hanno totalmente sostenuto la realizzazione del progetto Un Nuovo Libro a Scuola: Re Mercato – Centro la Fontana, Centro Oceano, Anibaldi &Pandolfi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.