Croce Rossa di Jesi, Vigilia di Natale con la poetessa infermiera Chechile | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Croce Rossa di Jesi, Vigilia di Natale con la poetessa infermiera Chechile

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Alla Vigilia del Natale la Croce Rossa di Jesi accoglie Maria Teresa Chechile. La poesia covid dell’infermiera poetessa jesina entra in Cri. Nella sede di via Gallodoro, alla presenza del presidente Dott. Francesco Bravi e dell’ispettrice Serena Romagnoli si è tenuta la cerimonia di consegna della poesia covid  «MI ero persa» . La Chechile ha voluto sottolineare, con la consegna dei suoi versi, come unendo le forze e in sinergia, si possa far fronte ad ogni difficoltà. «Questo tempo epocale di pandemia ci sta mostrando come si possa sempre trovare una via di uscita da ogni forma di disagio. L’emergenza sanitaria ci ha fatto vivere non solo sulla pelle e nel corpo quella fragilità, alla quale si è sempre soggetti, ma anche come se ne possa uscire attraverso una coesione di intenti e unendo le forze. Riprendendo le parole di papa Francesco “da soli non si va da nessuna parte” si può e si deve trovare la capacità di uscirne facendo fronte alle innumerevoli difficoltà. Il covid ci ha fatto vedere le fragilità umane ma anche le tante certezze vacillare. Questa ulteriore ondata di covid alla quale siamo stati tutti messi alla prova possa essere ancora una volta quella possibilità di riscatto. Le risposte non mancano partendo da quelle scientifiche a quelle dell’assistenza sanitaria in uno spirito di collaborazione tra le diverse parti. Come la pandemia abbia leso non solo corpi ed inciso sulle nostre anime, ma abbia anche avuto un impatto sulla vita sociale, di relazione ed economica. È infatti proprio in quest’ultima ottica che pensando a quanti hanno perso il lavoro o lo stanno cercando che il pensiero è corso. Ai tanti che, proprio a causa della pandemia, hanno dovuto reinventarsi, così come alle tante ferite che il covid ha inflitto e sta infliggendo ancora, non solo nel corpo ma anche nell’anima. Come la medicina narrativa sia anch’essa curativa, entrando nell’intimo e in tutti quei risvolti psicologici e umani. Come momento di riflessione».

Il dottor Bravi ha sottolineato come ci sia sempre bisogno di collaborazione e non solo nella pandemia. Di come la CRI sia sempre pronta alla sua opera di soccorso e di supporto. È all’insegna di un Natale più umano e più solidale che l’incontro ha avuto il suo momento più emozionante con la proiezione e l’interpretazione della poesia. Alla cerimonia erano presenti anche la vice ispettive Saveria Grazia, la consigliera Bocchini Carla, la delegata sociale Avv. Patrizia Catozzi, alcuni volontari e la famiglia dell’infermiera / poetessa, nel rispetto delle norme anticovid.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.