Matt Cancelleria
Vai al Sito

CTG Vallesina, donati 2300 euro per la ricostruzione a San Severino Marche con la “Valigetta Viaggiante”

JESI – È di 2.300 euro la somma raccolta dal Centro Turistico Giovanile Vallesina di Jesi a sostegno della ricostruzione nelle zone del sisma grazie all’iniziativa “La Valigetta Viaggiante” che, da circa un anno, raccoglie fondi da destinare al Cinema San Paolo di San Severino Marche, messo in ginocchio dopo l’ultimo terremoto. Un luogo di aggregazione – l’unico in paese – prima frequentato sia da giovani che da anziani, per socializzare nel tempo libero e condividere insieme ore di divertimento e svago.

“C’è ancora molto da fare – ha rimarcato il presidente del CTG Vallesina Maurizio Gualdoni durante la cena solidale di sabato scorso alla locanda dell’Abbazia di Sant’Urbano, a chiusura della rassegna “Ascolto…storie, profumi e sapori” –  La valigetta viaggiante è già riuscita a creare una rete di solidarietà che ci auguriamo possa espandersi  e coinvolgere altre realtà nella condivisione di questo obiettivo”.

Se infatti il San Paolo di San Severino è rientrato in graduatoria per l’ottenimento di fondi ministeriali dalla Direzione Generale Cinema del MiBact  per l’attività di conservazione, restauro e fruizione della struttura, è anche vero che la somma erogata servirà a coprire solo l’80% delle spese complessive. C’è da trovare risorse per il restante 20% e con la Valigetta Viaggiante il CTG sta contribuendo a reperire ulteriori finanziamenti.

“A San Severino Marche ci sono ancora 1113 edifici dichiarati inagibili e 416 che necessitano di una ricostruzione totale – ha spiegato la sindaca Rosa Piermattei – Una comunità di 13 mila abitanti di cui 2 mila sono ancora senza casa. Siamo il primo Comune che ha già rimosso tutte le macerie e abbiamo demolito circa 50 edifici. Si lavora tutti giorni, contro la terra che trema, siamo stremati e stanchi, non vediamo più la luce. Il San Paolo era importante perché un luogo di ritrovo, se potessimo riaprirlo porterebbe un po’ di speranza dove oggi c’è tanta disperazione”.

Alla cena solidale di sabato scorso erano presenti anche l’assessore al Bilancio del Comune di San Saverino Tarcisio Antognozzi e il direttore del Cinema Alberto Vignati che hanno detto: “Non vi stancate di far girare ancora la valigetta, perché viaggiare significare creare amicizie. Il vero patrimonio di cui tutti abbiamo realmente bisogno è fatto di persone”.

La rete come strumento fondamentale per raggiungere obiettivi significativi: un concetto ribadito poi dall’assessora all’Associazionismo del Comune di Jesi Paola Lenti e ripreso da Luca Celli della Condotta Slow Food che ha contribuito al programma della rassegna promossa dal CTG. Perché la rete è solidarietà ma anche sinergia nel mondo produttivo. Lo ha sottolineato anche l’imprenditore Enrico Loccioni, presente alla serata, che circa un anno fa ha firmato un accordo di partenariato pubblico-privato con il Comune di Apiro per la valorizzazione del complesso dell’Abbazia di Sant’Urbano:  “L’idea  è di far rivivere questi luoghi proprio grazie al lavoro, partendo dai valori della terra, dalla tradizione agricola locale, dalla geologia, dalla specificità del suolo e del sottosuolo. L’agricoltura del futuro, la scienza dei dati, la robotica e i sistemi interconnessi, l’internet delle cose e il nuovo artigianato digitale, la sostenibilità e la qualità della vita, sono gli spunti di progetto con cui attrarre giovani ricercatori, agronomi, softwaristi, territorialisti, designer nella Valle di San Clemente, per sviluppare progetti di innovazione nell’agricoltura e non solo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*