Cucciolo di daino abbandonato all'abbazia di Sant'Elena, i primi aiuti arrivano dal web | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Cucciolo di daino abbandonato all’abbazia di Sant’Elena, i primi aiuti arrivano dal web

SERRA SAN QUIRICO  – Era stato abbandonato all’interno del parco daini dell’Abbazia di Sant’Elena, forse nella speranza che qualcuno se ne prendesse cura: è un piccolo cucciolo di daino – ribattezzato Bambi per analogia con il cartone della Disney –  il protagonista di questa storia che ha fatto il giro del web e che fortunatamente, grazie alla sensibilità e alla prontezza di alcuni cittadini, ha avuto il suo lieto fine.

“I miei genitori, che lavorano come custodi al parco, hanno ritrovato sabato scorso questo cucciolo nella riserva  – racconta Tiziana Scortichini, conosciuta nella zona per il suo negozio di parrucchieria ed estetica a Mergo  – Era un esemplare di pochi giorni,  a malapena si reggeva in piedi. Il piccolo piangeva cercando la mamma che, evidentemente, non era all’interno del parco dell’Abbazia: da qui il sospetto che fosse stato trovato e poi abbandonato nella riserva da estranei”.

E’ sabato notte, Bambi non dorme, piange e rifiuta le cure. Sfortunatamente i daini femmina del parco sono ancora tutte in gestazione. L’unica soluzione è provare a somministrargli del latte con un biberon ma è tutto inutile: il piccolo non vuole mangiare.

Domenica mattina, Tiziana pubblica una foto di Bambi sui social: “Non sapevo come aiutarlo – spiega Tiziana –  Magari sarei riuscita ad individuare da dove provenisse. In molti mi hanno risposto, dandomi suggerimenti. Alcuni mi hanno consigliato di rivolgermi subito alla Forestale perché si trattava di fauna selvatica e così ho fatto: già nel primo pomeriggio una squadra è intervenuta a prestare soccorso”. Bambi è stato così accudito e trasferito al centro di recupero di Fabriano: “Grazie a tutti gli amici dei social e alle persone che mi hanno contatta anche al telefono per mettere in sicurezza il dolcissimo Bambi – è il ringraziamento di Tiziana – Ora sta bene”.

E’ di qualche giorno fa l’appello pubblicato dall’ENPA alla vigilia della stagione delle gite “fuori porta” che, per caprioli e daini, è periodo di nascite.”I cuccioli di capriolo e cervo nascosti tra la vegetazione non devono essere né toccati né prelevati perché questo, oltre ad essere un reato, significherebbe condannarli a morte. Infatti, diversamente da quanto si potrebbe essere indotti a credere, non si tratta di esemplari abbandonati, ma mimetizzati tra la boscaglia mentre i loro genitori sono in cerca di cibo”.

 

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.