Cultura della biodiversità alla Casa dell'Olio | | Password Magazine
Lulù  

Cultura della biodiversità alla Casa dell’Olio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Assaggi di oli

MAIOLATI SPONTINI – “L’olio buono deve essere fruttato e senza difetti all’olfatto e piccante e amaro al palato” ha spiegato il prof. Panzini dell’Ist. Tecnico Agrario di Fabriano durante l’assaggio di oli di ieri, presso la Casa dell’Olio e della Biodiversità a Maiolati Spontini. L’iniziativa, organizzata dalla Società Cooperativa APROL Marche, è stata finalizzata alla diffusione della cultura e della coltura dell’olio buono. “Conoscere le nostre varietà nel settore dell’olivicoltura è importante per valorizzare e difendere quello che è il nostro patrimonio gastronomico e anche culturale – ha dichiarato per l’occasione Marina Carbonetti, presidente associazione Biologiche Marche e responsabile della gestione della Casa dell’Olio – Nei quattro ettari di terreno di cui disponiamo in questa struttura abbiamo seguito per la piantumazione degli ulivi sia un metodo tradizionale, che uno intensivo. Lo scopo è quello di capire quale sia la varietà più redditizia in termini qualitativi ed economici per la nostra regione”. Le ricerche saranno messe a disposizione delle aziende del territorio e degli Istituti Agrari e alberghieri nell’ottica di una proficua sinergia fra conoscenza del territorio, rispetto dell’ambiente e salute alimentare. “La Casa dell’Olio è l’aula didattica all’aperto che permetterà anche alle nuove generazioni di crescere in sintonia con l’ambiente” ha sostenuto Fabrizio Mancini, assessore all’Ambiente del Comune di Maiolati Spontini.

Iscra Bini

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.