Cultura e imprenditoria al centro del Festival "Sulle orme del Cusanino" | | Password Magazine

Cultura e imprenditoria al centro del Festival “Sulle orme del Cusanino”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FILOTTRANO «La cultura è da sempre un volano per l’economia, per aprire e sviluppare percorsi turistici e per creare occupazione». Lauretta Giulioni, avvocato, sindaco di Filottrano dal 2014, presenta con queste parole la IV^ edizione del Festival “Sulle orme del Cusanino”, che si svolge a Filottrano dal 21 al 28 luglio. Una splendida festa barocca che vuol valorizzare il patrimonio artistico della città nel nome di un suo figlio illustre, Giovanni Carestini detto il “Cusanino”, uno dei più significativi cantanti del Settecento, una voce bianca assolutamente singolare.

«Il Festival – dice il sindaco Lauretta Giulioni – vuole unire la cultura, la tradizione e il saper fare. La quarta edizione di questa significativa manifestazione è possibile grazie al contributo degli imprenditori del territorio, in particolare dell’azienda Lardini. Sono 8 giorni di festival molto intensi e pieni di appuntamenti, dove artisti provenienti da tutto il mondo e centinaia di turisti che affollano la Riviera del Conero saranno presenti a Filottrano. La cultura rappresenta un importante volano economico e turistico e i dati registrati nelle precedenti edizioni lo confermano. Con questa rassegna non solo rendiamo omaggio a un concittadino che ha dato e continua a dare lustro alla nostra comunità ma diamo l’opportunità a tutti i filottranesi di trascorrere belle serate estive nel nostro territorio». Durante il periodo del festival alcuni palazzi storici della città saranno aperti al pubblico tra cui la magnifica villa Centrofinestre, che è già visitabile con l’accompagnamento delle guide. «Abbiamo aperto un canale molto importante con la Cina e i tanti cinesi che hanno seguito i nostri eventi hanno mostrato di gradire soprattutto il melodramma, il bel canto e la musica sacra che conoscono perfettamente. Questo è uno dei motivi per cui gli imprenditori hanno chiesto di sostenere il festival che fa emergere la sinergia tra cultura, arte, economia ed imprenditoria. E’ un evento di grande spessore e di assoluta qualità – afferma il sindaco – che vogliamo rendere popolare e fruibile a tutti i cittadini che ci hanno seguito e hanno sempre collaborato attivamente con noi. Abbiamo avuto l’apprezzamento di tanti cultori ed abbiamo avuto la gradita e prestigiosa presenza dell’Accademia di Santa Cecilia: quest’anno assegneremo il premio Il Cusanino proprio al presidente dell’Accademia, Michele dell’Ongaro. Avremo anche la partecipazione dell’Istituto Pontificio di Musica Sacra e Rai3 come partner. Il nostro è un lavoro certosino e non facile ma che ci da enormi soddisfazioni e ha fatto conoscere Filottrano in Italia e nel mondo. Molto significativa è la collaborazione con un gruppo di imprenditori marchigiani, non solo filottranesi, all’insegna dell’internazionalizzazione e della cultura, visto che avremo anche la partecipazione di appassionati giapponesi e perfino dall’Uzbekistan».

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.