Curiosando/ Il Molinetto a Macine di Castelplanio | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Curiosando/ Il Molinetto a Macine di Castelplanio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CURIOSANDO/ a cura di Riccardo Ceccarelli

Anche questo è scomparso, o meglio, è stato fatto scomparire, ormai da diverso tempo. Molti a Macine ancora lo ricordano perché ci sono andati, perché ci siamo andati a scuola. Non era stato costruito come edificio scolastico, ma adibito a scuola perché il plesso scolastico nei pressi del bivio per Castelplanio entrato in funzione nel 1916, negli Trenta-Quaranta era diventato insufficiente per gli alunni delle classi quarta e quinta elementare provenienti anche da Borgo Loreto.

Era stato l’unico molino ad acqua della zona di Castelplanio, in via Copparoni, non costruito nei pressi del fiume ma vicino al Fosso Lungo o Fosso delle Macinare (attuale Fosso di Rosora) come era chiamato nel Settecento.

Sull’edificio c’era un mattone con incisa la data “1548” che ne ricordava forse  l’ultima ristrutturazione; era infatti più antico, con tutta probabilità risaliva alla fine del Trecento e gli inizi del Quattrocento, come lasciano presumere alcuni documenti.

Noi lo chiamavamo “il molinetto”, da sempre però era stato il  molino del maltempo, in quanto funzionava quando il fosso limitrofo attraverso un piccolo vallato e un invaso riusciva  a fornire l’acqua sufficiente a farlo funzionare.

Nel Settecento era proprietà  della comunità di Casteplanio; fu in attività fino agli anni 1920-25 quando l’ultimo proprietario Giuseppe Ceccacci, uno della famiglia di mugnai più noti della zona, lo  vendette.

Per decenni, come già detto, fu adibito a scuola elementare; fu demolito nei primi giorni del settembre 1990: già da qualche tempo tuttavia era stato fatto sparire il mattone che ne attestava l’antichità e che avrebbe potuto essere utile a tutelare l’edificio stesso; non era in cattive condizioni, realizzato com’era prevalentemente in pietra. Dopo la demolizione, le pietre e le macerie di uno dei più antichi edifici di Macine sono state sparse per fare da massicciata alla strada,  via Giacomo Brodolini, allora in costruzione, nella zona artigianale di Pozzetto di Castelplanio.

Ristrutturato poteva essere utilizzato per finalità pubbliche: sarebbe stato la memoria concreta e tangibile più antica e significativa della comunità. Di questo passato ora rimane solo il toponimo, Macine, che insieme all’antico nome Fosso delle Macinare, ricorda l’attività di costruzione con “sopraffine maestria” di macine da molino e di metterle in opera nei molini stessi.

La lavorazione delle macine coinvolse per secoli un buon numero di artigiani: verso la fine del Settecento era ancora “una lucrosa industria con non lieve vantaggio della popolazione”. Un’occupazione che andò riducendosi progressivamente, arrivata tuttavia fino alla prima metà del Novecento quando viene ricordato Nazzareno Bucciarelli (1862-1949) che oltre a costruire macine con martello e scalpello assemblandole con cerchi di ferro, era chiamato presso i molini per la manutenzione periodica della macine stesse.

A “celebrare” con grande nostalgia il molino-scuola che aveva frequentato, è stato per ultimo Alberto Ribichini di Castelplanio-Macine (1938-2003), stampatore d’arte, che nel 1990 dava il titolo “il molinetto” a una collana  di cartelle d’artista iniziata con cinque serigrafie di Nicola Sorgentone (1945-2007), conosciuto e stimato artista abruzzese. Dimenticato dai più, il molinetto rimarrà almeno legato alla memoria di questo artista.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.