Curiosando: il Molino Franciolini di Castelplanio

CURIOSANDO/ a cura di Riccardo Ceccarelli

Ne sono rimasti tre degli antichi molini della media valle dell’Esino, il molino della Torre o delle Torrette in territorio di Maiolati Spontini, il Molino di Rosora, poco lontano dalla chiesa di Angeli e il Molino Franciolini in territorio di Castelplanio.

Altri ve se sono ancora nella valle dell’Esinante. Certo non sono come quando erano in piena attività, anzi ci meravigliamo quando ci viene detto che in quegli edifici un tempo c’erano molini.

Ne sono scomparsi quasi del tutto i segni caratteristici, prima di tutto i canali che portavano acqua per fare girare le macine, queste infatti erano mossi da forza idraulica e l’acqua era derivata dal fiume Esino per i molini che sorgevano nei suoi pressi o dai torrenti, come l’Esinante, per gli altri. Non ci sono più le macine, né gli ingranaggi o le altre struttura. Il Molino Franciolini, del quali ancora si vede l’imponente struttura come si è configurata dal sec. XVIII, è situato nei pressi dell’attuale via Brodolini nella zona industriale e artigianale di Castelplanio.

Era un molino ‘privato’ appartenente appunto alla famiglia Franciolini originaria di Castelplanio trasferitasi poi a Jesi, gli altri – quella della Torre e di Rosora – erano di proprietà della Città di Jesi, unici autorizzati, aveva la “privativa” come si diceva, a far macinare il grano e a riscuotere le relative tasse. Il molino privato serviva al suo proprietario e ai coltivatori dei suoi fondi, ma in caso di emergenza – quando quelli della città non funzionavano – vi si poteva accedere. Il Molino Franciolini già nel 1488 risulta dell’omonima famiglia che aveva ampie proprietà lungo la valle fino all’attuale Borgo Loreto di Castelplanio. Probabilmente risaliva al Trecento, se non addirittura faceva parte di quei sette molini che c’erano alla fine del Duecento nel breve tratto dell’Esino, da Scisciano a Moje.

L’antica struttura fu conglobata nella ristrutturazione che il molino ebbe nel Settecento con la realizzazione anche di una valca, cioè di un laboratorio che utilizzava l’acqua e la relativa forza motrice per la follatura dei tessuti e la produzione di feltri. La famiglia Franciolini dava in gestione di volta in volta il molino stesso, che ebbe tra gli altri come gestore anche Serafino Salvati, che realizzò nella prima decade dell’Ottocento l’omonima Villa di Pianello di Monte Roberto, affittuario per qualche tempo anche del Molino della Torre. A metà del sec. XIX il molino passò di proprietà della famiglia Urbani che acquistò nel 1906 anche il molino della Torre e successivamente installò a Castelplanio Stazione un nuovo molino a cilindri, trasformando l’antico molino Franciolini  in una centrale idroelettrica. L’impianto entrò in funzione nel 1912, nel 1925 fu preso in esercizio dall’UNES che ne entrò completamente proprietaria nel 1949. Nel 1944 i macchinari furono danneggiati dai soldati tedeschi in ritirata. Il complesso degli edifici, già Molino Franciolini, venne diviso per ospitare magazzini per il grano, una falegnameria e abitazioni civili.

Attualmente è di proprietà del geom. Giuseppe Testadiferro. Restaurato e seppure con un nuovo utilizzo, rimarrebbe, come ancora rimane, una significativa testimonianza  di un passato che dal medioevo fino all’Ottocento ha caratterizzato il panorama agricolo e sociale del nostro territorio.

1 Commento su Curiosando: il Molino Franciolini di Castelplanio

  1. Io ci sono nata, proprio li’! E mi piacerebbe poter rivedere quei luoghi di cui non ho ricordi nitidi poichè mi sono trasferita a Moje in tenera età.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*