Da domani in funzione il Grande Fratello della sicurezza | | Password Magazine

Da domani in funzione il Grande Fratello della sicurezza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI  – Entrerà ufficialmente in funzione domani mattina il primo impianto di videosorveglianza in città. Tra il Torrione e Porta Valle saranno infatti accese – e lo resteranno 24 ore al giorno – le telecamere che riprenderanno altrettanti punti della zona, diffondendo le immagini nei monitor installati presso il Comando di Polizia Municipale. In tutta l’area coinvolta dall’impianto di videosorveglianza sono stati apposti i relativi cartelli che indicano la presenza di telecamere, nel rispetto della normativa sulla privacy.

Le immagini resteranno in memoria nella centrale operativa per 7 giorni, a disposizione per ogni eventualità prevista dalla legge, salvo poi essere cancellate in automatico dalle successive registrazioni. Al riguardo questo pomeriggio gli agenti della Polizia Municipale hanno partecipato al relativo corso di formazione per l’utilizzo di questi dati sensibili.

L’impianto di videosorveglianza in zona Torrione e Porta Valle è come noto la prima parte di un progetto che coinvolgerà in futuro anche la zona di viale Trieste fino al parcheggio scambiatore della stazione. Nel piano opere pubbliche del 2015 sono previsti infatti 150 mila euro per questo secondo intervento che vedrà l’installazione di numerose altre telecamere.

Da quando l’Amministrazione comunale ha annunciato l’intenzione di posizionare in determinati quartieri impianti di videosorveglianza così da scoraggiare azioni vandaliche o criminose di malintenzionati e al tempo stesso contribuire a ridurre la percezione di insicurezza tra la popolazione, sono pervenute da più parti richieste di installare tali apparecchiature.

“Prende il via oggi una nuova azione di prevenzione che raccoglie le aspettative dei cittadini” ha sottolineato il sindaco Massimo Bacci che ha aggiunto: “Compatibilmente con le risorse di bilancio vogliamo riuscire a coprire le aree più sensibili. Ci fa piacere che su questa scelta vi sia la piena condivisione delle forze dell’ordine, a partire dal nuovo questore di Ancona, perché in tema di sicurezza sono proprio le forze dell’ordine i soggetti coinvolti in prima persona, rispetto ai quali un ente locale è ovviamente interessato a fornire ogni utile forma di sostegno come Jesi sta puntualmente facendo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.