Da H22 c'è Schillaci per il libro del presidente Club Juve Jesi Paoloni | Password Magazine

Da H22 c’è Schillaci per il libro del presidente Club Juve Jesi Paoloni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Schillaci insieme al proprietario di H22 Antonio Turino e il figlio

JESI – Salvatore ‘Totò’ Schillaci in città per omaggiare il Club Juventus di Jesi.  L’ex calciatore bianconero, ricordato anche per le sue prodezze in campo a Italia ’90, dopo aver alloggiato all’Hotel Mariani è arrivato nella tarda mattinata di oggi al locale H22 di via Paladini, accolto con un aperitivo di benvenuto dal titolare Antonio Turino e da tutto il personale. Ad accompagnare l’ex capocannoniere, il presidente del club juventino Paolo Paoloni, autore del libro recentemente pubblicato La mia Prima Volta in Campo con la Juventus.
Proprio Totò è uno dei protagonisti del volume, nato durante la quarantena e pensato per mettere su carta le emozioni vissute la prima volta da 50 personaggi, tra ex calciatori e tifosi del mondo dello spettacolo, in campo o allo stadio con la maglia bianconera.

20201024_124246
Schillaci con Paolo Paoloni del Club Juve Jesi

«Un bel libro dedicato alla passione per la Juventus, sono felice di farne parte – ha detto Schillaci -. Mi ha dato anche l’occasione di visitare la bella città di Jesi, non ero mai stato qui, conoscevo le Marche solo calcisticamente». Sempre forte l’affetto dei tifosi: «Resta vivo in loro il ricordo delle notti magiche in nazionale, anche per me momenti indimenticabili e ancora impressi nella mente» commenta l’ex calciatore. «L’emozione più grande? Il goal contro l’Austria che ha aperto il mondiale». Parole di stima anche per Roberto Mancini, il CT della nazionale padrone di casa: «Con lui c’è sempre stato un bel rapporto, è un grande calciatore e continuo a seguire lui e il suo lavoro con gli Azzurri»

Nel libro «La mia Prima Volta in Campo con la Juventus» la passione per la squadra del cuore incontra la solidarietà: «Il ricavato sarà devoluto in beneficenza – spiega l’autore Paoloni -, visto il periodo difficile che stiamo affrontando abbiamo pensato di destinare gli introiti a sostegno dell’AICU, l’associazione italiana Carlo Urbani»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.