Da Hyde Park a Maiolati, il concerto di Julia Shore racconta la bellezza di una società multiculturale | | Password Magazine

Da Hyde Park a Maiolati, il concerto di Julia Shore racconta la bellezza di una società multiculturale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Jazz e integrazione, una cantante di origine inglese e un gruppo di musicisti del territorio. Appuntamento sabato 10 dicembre al Teatro di Maiolati Spontini, ore 21, con il concerto “From far and wide” a cura di Julia Shore Quartet. Lo spettacolo, inserito nella prima parte del cartellone del Teatro di Apiro, provato dall’evento sismico, si terrà quindi a Maiolati: ‘From far and wide’ è una celebrazione di musicisti, compositori e performers provenienti dall’immigrazione di inizio secolo “che sono arrivati negli Stati Uniti da tutto il mondo (from far and wide, appunto) – spiega la cantante di origine inglese Julia Shore – Con la loro musica hanno arricchito la scena culturale americana e musicale andando a confluire nel jazz. Il jazz negli anni Venti dava il benvenuto a tutti, indipendentemente dalla razza, dal colore della pelle, dalla classe sociale di provenienza”.
Accanto a Julia Shore ci saranno i talentuosi musicisti marchigiani Stefano Coppari alla chitarra, Lorenzo Scipioni al contrabbasso e Mauro Cimarra alla batteria. Nata a Northampton dove ha debuttato a soli 16 anni, la Shore è a Jesi dalla fine degli anni Novanta. Ha lavorato con le migliori orchestre da ballo di Londra, presentato festival musicali in tutta la Gran Bretagna, vanta apparizioni televisive e radiofoniche alla BBC per la quale ha anche trasmesso manifestazioni da Hyde Park ed ha persino cantato al trentesimo compleanno del conte Spencer, fratello della principessa Diana. In Vallesina il Julia Shore Quartet ha partecipato a numerose iniziative tra cui il Castelbellino Arte Festival e il San Savino Linking Festival, a Roma si è esibito allo Swing Party ed è in uscita il primo disco “S Wanderful”. “Il concerto vuole dare un messaggio importante, soprattutto in questo momento storico – continua – la celebrazione del jazz come forza unificante, musica capace di unire al di là dell’età, del credo, del colore della pelle dando vita ad un linguaggio comune tra persone apparentemente distanti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.