Da Pirani a Melappioni, passando per Bacci

IL CORSIVO di Marco Torcoletti

“Le persone prima dei numeri”. Al sindaco commercialista, paladino del rispetto dei vincoli di bilancio, il radiologo e candidato del Partito Democratico, Osvaldo Pirani risponde con un ammiccante slogan, per via dell’implicito richiamo ai valori della sinistra in esso contenuti. A ben vedere però nulla di propriamente nuovo. Correva il 2012 e di fronte alla folla radunata in piazza della Repubblica, Melappioni dichiarava: «Se credete che opterò per il pareggio di bilancio a discapito dei servizi sociali, non votatemi». Le analogie? Vanno oltre gli schieramenti: giorni or sono nel quartiere Minonna, Pirani ha lanciato la campagna di ascolto, secondo un cliché inaugurato nel 2007 dall’ex leader di Jesi è Jesi e nel 2012 ripreso dal sindaco in carica, con la ‘fase di ascolto’. Ma torniamo per un attimo al sociale. Dopo cinque anni, obiettano da Jesiamo, l’amministrazione Bacci può vantare traguardi di tutto rispetto: il centro Maschiamonte, tanto per dirne una. Botta e risposta, ciò che più conta nella sfida in atto sta altrove. Dopo l’evocato isolamento jesino, dopo l’accusa di mancanza di progettazione, il richiamo ai valori della solidarietà, condito di implicita vis polemica, costituisce un tangibile vessillo, issato da Osvaldo Pirani, in cui il popolo della sinistra jesina può rispecchiarsi. Come in una partita a scacchi, nel fare le sue mosse il radiologo dà sapore, ma soprattutto colore, ad una campagna in cui i partiti sembrano giocare un ruolo di secondo piano. Infatti, a primeggiare sinora sono state le personalità dei singoli candidati, forti e agguerrite: da Massimiliano Lucaboni a Silvia Gregori. Diverso il caso di Bacci, che mantiene un profilo istituzionale e tra gruppi di lavoro e incontri pubblici, snocciola numeri, obiettivi centrati e progetti. Ma c’è ancora tempo e la campagna elettorale, per il momento priva di particolare vivacità, potrebbe cambiare sensibilmente, con la comparsa sulla scena del candidato Cinque Stelle.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*