Dachan (Onsur): «Missione umanitaria per portare aiuti in Ucraina». | Password Magazine

Festival Pergolesi

Dachan (Onsur): «Missione umanitaria per portare aiuti in Ucraina».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ROSORA- Una missione umanitaria per aiutare la popolazione ucraina che conta già decine di migliaia di sfollati: è quanto annuncia in un video diffuso sui social, Ahmad Amer Dachan, consigliere comunale del comune di Rosora e presidente di Onsur Italia, associazione in sostegno del popolo siriano che dal 2012 si occupa di portare aiuti ad una popolazione flagellata da una sanguinosa guerra.

«Venerdì sera partirò alla volta del confine con l’Ucraina per portare, in collaborazione con l’ associazione Prociv-Arci Chiesina Uzzanese,  aiuti di prima necessità: cibi in scatola, merendine, latte, biscotti, caffè, tè, materiale per l’igiene personale, medicine».

Dachan rivendica il costante impegno nell’aiutare il prossimo:

«Noi non ci tiriamo indietro, non ci siamo mai tirati indietro e quando si tratta di aiutare il prossimo non ci tireremo mai indietro.

Per questo a questa prima missione porterò personalmente il carico raccolto dal comune di Rosora, di Cupramontana, di Mergo, una associazione di Serra San Quirico, e tanti privati cittadini che mi stanno scrivendo in queste ore».

Un chiaro invito, quello di Dachan a donare, in cui è sottolineata la necessità di rendicontare e valutare dove giungono gli aiuti. Già tantissimo il materiale raccolto. 

«Vado di persona come ho sempre fatto in tutte le missione umanitarie perchè e giusto documentare, accertarsi, vedere dove vanno i vostri aiuti sia che si tratti di un centesimo sia che si tratti di una tonnellata di cibo».

Dachan partirà venerdì verso il confine ucraino, fino a giovedì sera è quindi possibile recarsi nei punti di raccolta di Cupramontana, Angeli di Rosora o Mergo per donare materiale utile o offerte economiche di sostegno per il viaggio e per comprare materiale direttamente in Ucraina.

«Amici e amiche- conclude Dachan- è veramente vicino a casa nostra, poco più di 850 km ci separano dalla guerra. Non ci interessa entrare in un analisi politica o delle colpe, non scendiamo in certe cose che non possiamo certe volte neanche immaginare. C’è una crisi umanitaria, c’è bisogno dell’aiuto di tutti quanti, stanno arrivando già tantissime adesioni, continuate e che Dio vi protegga, pregate per il popolo ucraino, pregate per noi, pregate per la pace».

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.