Dal bridge a Lorenzo Lotto, il simbolo per mantenere la mente attiva | Password Magazine
Festival Pergolesi

Dal bridge a Lorenzo Lotto, il simbolo per mantenere la mente attiva

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si terrà domani alle ore 16.50, presso la Pinacoteca civica (Palazzo Pianetti), l’incontro “L’uso dei simboli: dalle tele alle carte”, iniziativa promossa dall’associazione Bridge Jesi e FIDAPA BPW-Italy Jesi, con il patrocinio del Comune di Jesi.

Scopo della serata promuovere l’arte e il gioco del bridge come metodi di allenamento della mente, nell’ottica di salvaguardare e stimolare nell’individuo le capacità di memoria, di logica e problem solving, spesso soggette a deterioramento con l’avanzare dell’età.

Ciò che accomuna le tele di Lorenzo Lotto – vero outsider creativo per la sua epoca – con le carte da bridge è l’impiego del simbolo, esempio di comunicazione non verbale il cui significato va rivelato e compreso attraverso un gioco di inferenze, deduzioni, memoria. Attività che rappresentano un vero toccasana per il cervello.

“Il seminario ha lo scopo di divulgare il bridge come sport con le carte –  ha spiegato Giosuè Badiale, presidente dell’associazione Bridge Jesi – E’  un gioco di strategia dove a fare la differenza non è la fortuna ma le capacità cognitive del giocatore. Le valenze culturali, storiche e, oserei dire, terapeutiche del bridge hanno subito trovato intesa con la FIDAPA BPW-ITALY sezione di Jesi, già impegnata nel progetto a favore dell’invecchiamento attivo Aging People in Action for a Better Life“.

“Si tratta di un programma che ha ottenuto il patrocinio del Senato, scandito da diverse iniziative – ha precisato Letizia Saturni di FIDAPA Jesi, responsabile scientifico del progetto e Member of the Health Commitee BPW-International – La serata di domani rientra nelle attività promosse da Luminosity celebrale, l’area progettuale rivolta all’invecchiamento attivo e in salute. L’arte e il bridge sono sicuramente un ottimo strumento per preservare la brillantezza della propria mente, nell’ambito di un contesto che è anche sociale e conviviale. L’incontro di domani avrà una valenza non solo culturale ma anche educativa, formativa e ludica”.

“Il gioco e l’arte come propensione al miglioramento – ha commentato l’assessore alla Cultura del Comune di Jesi Luca Butini – E’ questo il messaggio di un’iniziativa che avvicina due mondi apparentemente distanti, quello del bridge e dei quadri del Lotto, ma che costituiscono entrambe per la città fonte di ricchezza”.

Il seminario sarà aperto da Anna Priori, socia FIDAPA e bridgista, con una introduzione su Lorenzo Lotto, la simbologia ed il gioco. Seguirà con una passeggiata peripatetica tra le tele del pittore presenti ora presso la Pinacoteca, guidata dalla ricercatrice Sara Tassi. Sarà poi Paolo Manocchi, formatore comportamentale e fondatore del Progetto Crescere che, dai simboli nell’opera pittorica dell’artista, introdurrà l’uso dei simboli nella comunicazione verbale e non verbale fino ad arrivare alla memoria e alla logica. Cuore della serata la presentazione del bridge con l’istruttore federale Stefano Bonazza, che evidenzierà come il gioco/sport sia un brillante esempio di comunicazione non verbale fatta di simboli in grado di mantenere in allenamento il nostro cervello e con una importante valenza socializzante. In chiusura tutti i partecipanti avranno la possibilità di sperimentare/praticare tutto ciò di cui è stato discusso cimentandosi in brevi ma intriganti attività pratiche – guidate da Massimo Tangherlini, vice-presidente ASD BRIDGE JESI e Stefano Bonazza.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.