Dal "Carlo Urbani" il dott. Andrea Molesi sfida i ghiacci dell'Antartide | | Password Magazine

Dal “Carlo Urbani” il dott. Andrea Molesi sfida i ghiacci dell’Antartide

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il Dott. Andrea Molesi

JESI – Ha trascorso quattro mesi in Antartide come medico dell’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile: il dott. Andrea Molesi Anestesista e Rianimatore dell’ Ospedale “C. Urbani” di Jesi, per le sue capacità e competenze, rappresenta un fiore all’occhiello della struttura ospedaliera jesina. Anconetano, sposato e padre di due figli, il dott. Molesi è uno dei protagonisti della XXXIII Campagna Antartica 2017/2018 del programma nazionale di ricerche in Antartide presso la Stazione italiana Mario Zucchelli, a Baia Terranova.

«Si tratta di una postazione italiana stagionale, operativa solo nei mesi che vanno da ottobre a febbraio, i mesi del disgelo in Antartide  – ha spiegato il medico – Sono stato selezionato dall’Enea, come altri ricercatori italiani: qui arrivano da tutte le parti del Paese per studiare zoologia, ecologia, astrofisica, microbiologia, meteorologia e altre scienze. La mia competenza era richiesta sia per la tipologia di ambiente estremo su ghiaccio e neve sia per l’attività iperbarica che palombari e incursori della Marina e dell’Esercito svolgevano in Antartide in supporto all’attività scientifica».

Esperto in medicina d’urgenza extraospedaliera in ambienti estremi, il dott. Molesi è di fatto medico di Elisoccorso e per il Soccorso Alpino Italiano, ha condotto studi di medicina di montagna e delle catastrofi, ed è anche medico della Croce Rossa militare italiana. «L’Antartide è un continente grande quanto una volta e mezzo l’Europa, con temperature che raggiungono anche i -92 gradi – spiega Molesi – Ci sono due soli modi di raggiungere queste terre: in aereo o con la nave rompighiaccio. In caso di emergenza, l’ospedale più vicino è a 12 ore di volo: il malato va quindi stabilizzato all’interno della base, dove è presente anche una camera iperbarica».

Molesi ha raccontato di essersi subito dovuto confrontare con il problema dell’isolamento: «Nella stazione Zucchelli, eravamo una comunità di circa 90 persone: in questo gruppo ridotto e isolato, anche un’influenza gastrointestinale poteva diventare un’epidemia da tenere sotto controllo. Fortunatamente non si è mai resa necessaria l’evacuazione di malati gravi. La metà dei casi ha riguardato piccoli traumi, dovuti al lavoro».

Un’esperienza qualificante e gratificante di cui Molesi farà tesoro: «Dal punto di vista professionale, per me partecipare alla Campagna è stato sicuramente importante e positivo, mi  ha permesso di capire qualcosa in più sulla mia attività». Parole di ringraziamento verso l’equipe medica e, in particolare, verso il Direttore dell’U.O. di Anestesia, Terapia Intensiva ed Analgesia del Carlo Urbani il dott. Tonino Bernacconi per avergli permesso di cogliere al volo questa opportunità.

«Non è stato semplice gestire il reparto con un medico in meno ma, sicuramente, l’esperienza del dott. Molesi dà onore alla nostra Unità Operativa».

Da sinistra il dott. Bernacconi, il direttore Bevilacqua, la dott.ssa Fedele e il dott. Molesi

Soddisfazione anche dalla Dott.ssa Virginia Fedele, direttore del presidio ospedaliero, e del direttore dell’Area Vasta 2 Maurizio Bevilacqua: «Il Carlo Urbani è un ottimo ospedale, ricco di professionisti validi e certificati – ha precisato Bevilacqua – Una struttura che si caratterizza per importanti peculiarità: delle sue risorse positive bisognerebbe parlarne di più».

A cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.