Dalla Svezia, una ricercatrice marchigiana guarda con orgoglio la nostra Italia | | Password Magazine

Dalla Svezia, una ricercatrice marchigiana guarda con orgoglio la nostra Italia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Il Coronavirus non è solo una questione cinese e italiana, ma purtroppo, inizia a riguardare gran parte dei Paesi Europei. Si sta diffondendo anche oltremare e diversi , a volte anche discutibili, sono gli accorgimenti che ogni Paese sta assumendo per contrastare Covid -19.
In questo momento storico particolare, chi da italiano vive all’estero è testimone di come l’Italia traspare da ciò che viene raccontato.

Abbiamo raggiunto in Svezia la Dottoressa Chiara Rinaldi, originaria di Chiaravalle e da circa quattro anni ricercatrice presso la University of Gothenburg (Göteborgs Universitet in svedese) per conoscere lo stato delle cose nel suo paese, a proposito del contagio da Covid-19.

Chiara Rinaldi
Chiara Rinaldi

Chiara, qual è ad oggi la situazione in Svezia riguardo alla diffusione del Covid 19, meglio noto come Pandemia da Coronavirus?
“Da qualche giorno la Public Health Agency of Sweden ha alzato il livello di rischio a “very high”, quindi molto alto. Attualmente ci sono circa 1000 casi certificati in tutta la Svezia, tuttavia da un paio di giorni hanno smesso di fare tamponi a coloro che non presentano sintomi gravi che richiedano ospedalizzazione. Di conseguenza le stime dei contagiati dovrebbero essere molto più alte di così.”

Quali accorgimenti state assumendo? Le autorità svedesi hanno comunicato disposizioni da seguire?
“Attualmente le uniche indicazioni che arrivano dal governo svedese sono le seguenti: evitare assembramenti di più di 500 persone, restare a casa se si presentano sintomi, lavarsi le mani, tossire nel gomito, evitare viaggi sia internazionali che domestici. Di fatto però non c’è una politica unitaria da parte del governo. Per esempio, la mia Università ha comunicato ai dipendenti di lavorare da remoto e di passare all’insegnamento online, e alcune compagnie hanno fatto lo stesso con i propri dipendenti. Tuttavia, tutte queste precauzioni vengono affidate ai singoli, mancando un’azione unitaria da parte del governo che di fatto, al momento, non ha chiuso scuole, Università o altri esercizi commerciali. Io spero che nei prossimi giorni la situazione cambi e si implementino le azioni necessarie.”

Che tipo di informazioni vi arrivano dall’Italia?
“Da italiana seguo costantemente l’andamento della diffusione del virus, e qui arrivano informazioni aggiornate su quello che succede. Ma in qualche modo sembra che le autorità svedesi non si siano rese conto della gravità della situazione e del bisogno di implementare azioni coordinate su scala nazionale.”

Gothenburg, foto di Alessandro Rinaldi

Come viene considerato il nostro Paese in Svezia?
“Gli svedesi amano l’Italia, la cultura, il cibo, etc. Sicuramente è una delle loro mete turistiche preferite. Tuttavia, a me sembra che in questo frangente, alcuni sottovalutino sia il virus che il nostro sistema sanitario. In particolare mi riferisco all’uscita infelice che fece qualche giorno fa l’epidemiologo statale Anders Tegnell secondo cui “il sistema sanitario svedese avrebbe prerogative decisamente migliori rispetto a quelle dell’Italia nel gestire la diffusione del contagio del coronavirus”. L’ambasciatore italiano a Stoccolma ha risposto in modo ineccepibile in questo comunicato stampa.

Tu come  marchigiana, sei a conoscenza della reale gravità della situazione che sta vivendo il nostro Paese? Sia a livello sanitario e sia economico? Cosa ne pensi?
“Sì, sono a conoscenza della situazione perché mi tengo costantemente in contatto con famiglia e amici oltre ad informarmi autonomamente. Sono orgogliosa di come l’Italia sta gestendo la situazione benché drammatica, anteponendo la salvaguardia delle persone al resto. Qui non vedo lo stesso sforzo da parte del governo, benché sia ormai evidente che non solo in Italia ma in tutta Europa il virus si stia diffondendo in modo esponenziale. Vorrei che il governo svedese seguisse le orme dell’Italia in questo frangente e adottasse le necessarie misure di isolamento.

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.