Dalla teoria alla pratica, i bambini del Monte Tabor alla scoperta delle caprette di via Binda | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Dalla teoria alla pratica, i bambini del Monte Tabor alla scoperta delle caprette di via Binda

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Incontro ravvicinato per i bambini della scuola d’infanzia “Monte Tabor” di Jesi con le caprette di Via Binda: una mattinata didattica alla scoperta del curioso mondo degli animali insieme al custode del parco Carlo Pelonara.

L’incontro si è svolto nella mattinata di oggi e ha visto come protagoniste le 16 caprette dell’area verde di Via Binda e 24 bambini dell’ultimo anno della scuola d’infanzia “Monte Tabor”che hanno partecipato attivamente e con interesse all’incontro, e che per l’occasione hanno portato dei colorati disegni di caprette fatti da loro. Il centro sperimentale di brucatura con animali del Comune di Jesi nasce circa due anni fa dal Progetto Migliorativo presentato congiuntamente dalla ditta Papa Cesare e dalla Cooperativa Sociale Koinonia Onlus per la manutenzione del verde pubblico comunale per il triennio 2017-2019: «L’area è di circa 1,6 ettari ed è adibita allo sfalcio dell’erba con le capre – spiega il custode Carlo Pelonara – io vengo qui 2 o 3 volte al giorno per occuparmi della manutenzione e soprattutto del benessere degli animali».

L’appuntamento di oggi ha fatto seguito ad un precedente incontro di “teoria” svoltosi il 3 aprile presso la scuola “Monte Tabor” in cui i referenti delle due realtà, il custode delle caprette e la psicologa Ludovica Cesari, hanno intrattenuto i bambini per spiegare la loro nuova idea di gestione del verde e degli animali. Ed oggi si è passati dalla teoria alla pratica con l’uscita fuori porta: insieme al custode, ad accogliere i bambini erano presenti Martina Picchio, in rappresentanza della cooperativa Sociale Koinonia Onlus, Michela Bartolini per la ditta Papa Cesare e Francesco Renzaglia, direttore tecnico RTI (Raggruppamento Temporale d’Impresa) che hanno aiutato nella spiegazione del progetto. L’idea ha suscitato fin da subito la curiosità dei più piccoli ed è per questo che hanno voluto che fosse indirizzato soprattutto ai più piccoli: «Abbiamo così motivato la realizzazione di un progetto che fosse rivolto agli istituti scolastici jesini – spiega Martina Picchio – e che permettesse loro di capire l’utilità del centro sperimentale». E così, i bambini si sono immersi nel mondo delle caprette sperimentando in giro per l’area verde e accarezzando gli animali: hanno potuto vedere che cosa mangiano, dove dormono e capire l’importanza della salute dell’animale.

Ma gli incontri non finiscono qui, lunedì prossimo sarà la volta di un’altra classe della scuola dell’infanzia Monte Tabor: «Grande è la soddisfazione di tutti gli addetti ai lavori per il successo e l’entusiasmo che i bambini hanno mostrato nei due incontri – conclude Carlo – e per il positivo valore che tale intervento ha in sé, nel rispetto dell’ambiente».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.