Dalle Marche all'Italia, focus politico con l'esperta | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Dalle Marche all’Italia, focus politico con l’esperta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Oggi, 22 settembre, è il primo giorno d’autunno. Sembra una coincidenza, ma anche la nostra regione vive il suo equinozio d’autunno. Per la Marche oggi inizia una nuova stagione politica. Il nostro territorio bello, l’unica regione d’Italia al plurale si risveglia con una nuova identità e un futuro incerto ma tutto da costruire. Le Elezioni 2020 hanno visto vincere Francesco Acquaroli, centrodestra, su Maurizio Mangialardi, centrosinistra. La battaglia alle urne, benché nelle Marche ci fossero otto candidati, era tra questi due big della politica locale.

Dopo 25 anni, le Marche cambiano la storia politica

È stato detto, scritto, ribadito in più occasioni in queste ore, ma è giusto che anche noi lo ricordiamo, perché è un dato che entra di diritto nella storia locale e nazionale, che i nostri figli leggeranno sui testi di Scienza Politica, qualora fossero interessati a tale argomento. 25 anni di governo regionale affidato al centrosinistra, cancellato in una sera da un duo insolito ma a quanto pare convincente, oppure per qualcuno ritenuto il male minore. Staremo a vedere. La coppia politica Giorgia Meloni e Francesco Acquaroli spodesta la roccaforte rossa della sinistra e insieme conquistano le Marche, dal pesarese (già, proprio dal pesarese) all’ascolano, passando per il fermano. Non cito l’anconetano perché in questo territorio, specialmente a Jesi e in molti comuni della Vallesina, i cittadini hanno dato fiducia a Maurizio Mangialardi. La vittoria del centrodestra nella Marche arriva insieme alla schiacciante vittoria del SI al referendum costituzionale per la riduzione del numero di parlamentari. C’è aria di cambiamento, e da noi questo vento tira forte.

Sconfitta del centrosinistra nelle Marche, l’opinione di Valeria Mancinelli

valeria mancinelli
Il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli.

Ma cosa è successo? Che abbia ragione il Sindaco di Ancona Valeria Mancinelli? In un post su Facebook, ci va giù pesante nei confronti del suo partito e anche verso Maurizio Mangialardi, immolato a una causa che sembrava persa dall’inizio, ma per la quale secondo lui e chi lo ha seguito e supportato in questi mesi, valeva la pena tentare. Secondo Mancinelli, nelle Marche al centrosinistra sono mancati tre fattori fondamentali per la vittoria:

  • un governo regionale percepito come efficiente e vicino alle persone,
  • un radicamento politico e sociale nel territorio ancora forte,
  • un candidato presidente dalla personalità forte e riconosciuta e perciò capace di attrarre consensi rilevanti anche fuori del tradizionale perimetro del centro sinistra.

E se Francesco Acquaroli piacesse davvero?

Al contrario delle indicazioni del primo cittadino di Ancona, non è da escludere che con il suo low profile, la sua moderazione, la sua timidezza ma con le spalle coperte da una leonessa della politica come Giorgia Meloni, Francesco Acquaroli piace.  Probabilmente, anche se non conosciuto in certe zone della regione, i marchigiani e le marchigiane hanno voluto concedergli una possibilità. Secondo la Meloni, anche due visto che è convinta che fra cinque anni il suo pupillo politico sarà rieletto. Quello tra le Marche il centrosinistra è un divorzio non del tutto consensuale, nel senso che i cittadini erano convinti, e lo hanno dimostrato votando, mentre la parte politica pensava o sperava di ricucire il rapporto e di salvare questo lungo periodo insieme, festeggiando le nozze d’argento. E invece no. Si cambia, a Palazzo Raffaello – sede della Regione Marche – arrivano volti nuovi, nuove idee. Certo, con qualche conferma perché la politica è fatta dalle persone e coloro che hanno lavorato bene, specialmente per il proprio territorio di appartenenza, sono state premiate. Ma di fatto cambia tutto.

analisi politica
La giornalista Camilla Ghedini.

Dalle Marche all’Italia, che cosa davvero è accaduto?  Ne abbiamo parlato con una giornalista preparata e obiettiva come Camilla Ghedini. Da consulente comunicazione istituzionale, operativa in Italia e in Emilia-Romagna, Camilla Ghedini ha uno sguardo politico che arriva fino a Roma.

Dalle Marche all’Italia, cosa è successo?

«Direi che le Marche sono un caso isolato, cui forse si guarderà con attenzione di qui in poi e che consentono alla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, di alzare la posta e chiedere di andare al voto, mettendo in discussione il Governo, che invece ne esce rafforzato. Ad una prima lettura direi che le Marche hanno pagato le divisioni del PD e forse la non ricandidatura del Governatore uscente, Luca Ceriscioli, quindi tra non continuità e cambiamento si è scelto il secondo. Pur senza ‘rivoluzioni’. Basti pensare che la lista del Pd è stata comunque la più votata col 25%. Per contro, la Meloni è stata la vera protagonista di questa campagna – forse più di Francesco Acquaroli – ha fatto leva sui problemi irrisolti, a partire dalle conseguenze del terremoto del Centro Italia del 2016, alle infrastrutture, ossia quelli in cui i cittadini si imbattono ogni giorno».

Cosa cambia con la vittoria del SI al Referendum?

«Tutto e niente. Primo, perché riguarda le prossime politiche, che – se non cade il Governo – saranno nel 2023. Ci saranno meno parlamentari e cambierà il funzionamento interno del Parlamento in termini di regolamenti e Commissioni. Quindi ci sarà un depauperamento in nome di un presunto risparmio pari a una particella di sodio. Il problema vero è la presenza dei parlamentari in Aula, che dovrebbero garantire una soglia minima dell’80 per cento. Ci sono invece parlamentari che presenziano per il 10 per cento, anche meno, percependo lo stipendio intero. Quindi questa riforma – ancora da scrivere – non garantirà la qualità del lavoro parlamentare e l’efficienza legislativa. È una vittoria dei 5 Stelle, che oggi consente loro di lenire la perdita del voto. Hanno vinto il referendum ma hanno perso voti alle regionali. Sono gli unici che per il referendum hanno fatto campagna elettorale, insieme ad alcuni comitati del NO. Lo stesso PD solo all’ultimo si è espresso per il Sì ma non ha fatto campagna. Si è lasciato alla pancia, facendo prevalere una motivazione economica. Non a caso Di Maio ha subito annunciato che la prossima battaglia sarà per il taglio degli stipendi».

Tornando a noi, cosa significa per una regione da 25 anni appartenente al centrosinistra, cambiare completamente faccia politica?

«Credo che significhi stanchezza, delusione, speranza. Ad interrogarsi deve essere il PD. Gli altri, se la giocheranno sul campo, alla prova dei fatti. Perché parlare e promettere è sempre facile ma poi servono le azioni. E lì si misura la capacità di amministrare»

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.