Danni agli arredi esterni di un locale jesino, Polizia individua i vandali | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Danni agli arredi esterni di un locale jesino, Polizia individua i vandali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Individuati dagli operatori del Commissariato di Jesi i vandali che durante un week end di fine settembre/inizio ottobre 2021 avevano provocato rotture di divisori in legno esterni, esposti alla pubblica fede, di proprietà di un locale del centro storico jesino.

L’attività di indagine ha preso spunto da alcuni episodi di danneggiamento aggravato commesso in danno agli arredi esterni dell’esercizio commerciale bar: i contesti erano quelli di movida e più in particolare dei fenomeni di degrado, malcostume e illeicità ad esso collegati.

Le immagini acquisite dal Commissariato di Jesi, agli ordini del dirigente Mario Sica, da impianti di videosorveglianza privati collocati nelle aree esterne interessate mostravano nel dettaglio due giovani che a più riprese si avvicinavano all’esercizio commerciale danneggiato, rompendo a mani nude dei divisori di legno.

Gli episodi narrati si ripetevano in due occasioni distinte in pratica con le medesime modalità. Dalle immagini acquisite si evidenziava altresì che l’attenzione dei giovani era stata richiamata da alcuni residenti i quali, svegliati dal forte rumore, si erano affacciati dalle finestre: nella loro direzione, i giovani vandali lanciavano contro di loro, con forza, i pezzi danneggiati raccolti da terra. I danni provocati sono risultati essere di diverse migliaia di euro, unito al forte disagio di commercianti e residenti costretti a subire danni e molestie di notevole intensità.

L’attività di indagine si è concretizzata con l’acquisizione di immagini degli impianti privati di videosorveglianza che hanno dato la misura degli spostamenti dei giovani nell’area del centro storico. Da queste sono state poi estrapolati fotogrammi con i volti e gli indumenti indossati. In particolare i fotogrammi dei volti sono stati inseriti in un sistema con software di riconoscimento facciale, come quello utilizzato a Milano per la recentissima individuazione degli autori delle violenze sessuali di gruppo a Capodanno. La tecnologia, nel dettaglio, effettua delle misurazioni antropometriche dei soggetti e dei loro tratti somatici fornendo ipotesi di identificazione. In relazione alla presenza sul territorio della probabilità così acquisite, il Commissariato di Jesi ha chiesto all’Autorità Giudiziaria alcuni Decreti di perquisizione i quali, eseguiti, hanno consentito il sequestro degli indumenti indossati dagli autori dei reati. Questi sono risultati essere un giovane italiano di 21 anni disoccupato residente a Jesi e un giovane di origine nordafricana di 22 anni, disoccupato residente a Jesi entrambi privi di particolari trascorsi giudiziari. Entrambi dovranno ora fare i conti con le conseguenze del loro gesto.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.