Danni cavalcavia SS76, identificato il pirata. Indagini di Polstrada | Password Magazine
Festival Pergolesi

Danni cavalcavia SS76, identificato il pirata. Indagini di Polstrada

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Identificato il conducente dell’autocarro che venerdì sera ha danneggiato il cavalcavia della SS76, Valle dell’Esino, allo svincolo di Jesi Est. Gli accertamenti condotti dalla Polizia stradale di Jesi hanno permesso di scoprire chi fosse alla guida del mezzo pesante che, nel transitare sotto il ponte, passando per via Fontedamo, in territorio extraurbano, aveva urtato contro 7 travi in cemento di contenimento, compromettendo seriamente la struttura dell’opera. L’autore, dopo il grave danno, aveva proseguito la marcia senza fermarsi, facendo perdere le proprie tracce. A seguito dell’incidente, si era resa necessaria la totale chiusura del tratto di SS76, per la sicurezza degli utenti in previsione di eventuali cedimenti della struttura, sopratutto nella parte riguardante la carreggiata direzione est. Decisione inevitabile e che, come conseguenza, ha avuto gravi ripercussioni sul traffico di tutta la vallata e congestioni con lunghe code durante il fine settimana.

In attesa di ulteriori decisioni in corso di valutazione da parte dell’ente proprietario, il traffico ha a tutt’oggi l’obbligo di uscire allo svincolo di Jesi Est, posto al km 62+00, con la possibilità di rientrare in direzione ovest al Km 61+500. I veicoli invece diretti ad Est (Ancona) devono invece uscire dalla SS76  e percorrere un lungo tratto di strada alternativa lungo la rete viaria provinciale in territorio dei comuni di Jesi e di Monsano.

Le tempestive indagini della Polizia stradale di Jesi, con a capo il v. ispettore Manlio Didimi, grazie anche alla fattiva collaborazione di privati cittadini e delle ditte presenti in luogo, hanno permesso di identificare il responsabile dell’incidente: si tratta di un conducente professionale, 42 anni, di Galatina (Le), che partito da Perugia, stava trasportando un escavatore marca Hitachi ed era diretto a Lecce. Nella serata di ieri l’uomo è stato controllato ed identificato dagli agenti della Questura locale. AL momento, dovrà rispondere di diversi addebiti previsti dalle norme del codice della strada. In corso, ulteriori accertamenti per la valutazione del concreto pericolo creato alla sicurezza degli utenti stradali fino al mancato avvertimento delle forze dell’ordine circa quanto accaduto.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.