David Sassoli a Jesi: “Pirani sindaco per un grande progetto di cambiamento”

JESI – “Jesi sì, ma non così” è lo slogan – di renziana memoria – che l’on. Emanuele Lodolini ha proposto alla folta platea di quanti sono intervenuti, sabato a Palazzo dei Convegni, all’incontro – “Jesi che guarda all’Europa” – con il vice presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, a sostegno del candidato Sindaco del Pd, Osvaldo Pirani.

Sala affollata, con i candidati delle due liste  – c’erano anche quelli d’appoggio di Jesi Sostenibile – amministratori della Vallesina, il segretario cittadino Pierluigi Santarelli, il consigliere regionale Enzo Giancarli, gli onorevoli Emanuele Lodolini e Piergiorgio Carrescia.

Nell’occasione – oltre a presentare tutti insieme i 48 candidati – è stato portato alla luce ufficialmente il programma che proprio Sassoli ha definito “un esempio per le altre realtà. Lo terrò con me per farlo leggere in quanto ha contenuti importanti. Qui è in atto una straordinaria battaglia di cambiamento, con grandi ambizioni che servono per far migliorare le nostre comunità. Occorre spalancare porte e finestre, non chiudersi nei castelli di questa splendida valle, i nostri territori debbono trovare il modo di lavorare insieme: questa non è filosofia, è Europa”.

Sassoli ha insistito sul fatto che a Bruxelles non c’è una slot machine, ma le idee possono essere tradotte in risorse. Mettere insieme territori, amministrazioni, abitanti, come il caso della Vallesina, serve, ed è importante, a rafforzare le vocazioni e a trovarne di nuove, anche se nella capitale belga “si beve Verdicchio”.

“Ma c’è bisogno di legarsi  – ha sostenuto – , guardare al territorio con occhi diversi, con progetti unitari. E Jesi può e deve essere esempio e guida, con Osvaldo Pirani che rappresenta la visione di un grande progetto, motore di un grande cambiamento. Con la  nostra capacità di partito riformista il quale non rinuncia mai alle battaglie per dare dignità, solidarietà, lavoro, senso del diritto”.

In precedenza Osvaldo Pirani aveva illustrato i passi fondamentali del programma nel quale “le persone sono più importanti dei numeri e a questo concetto ispireremo, se i cittadini con il voto ce lo consentiranno, la nostra azione amministrativa. Per una Jesi intesa non come singola città ma come parte importante di un più vasto territorio, la Vallesina”.

“Il cambiamento – ha poi ribadito – va anticipato, non bisogna avere paura di cambiare, riportando l’attenzione sulla politica e sul lavoro”.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*