Decreto Ristori, ecco le misure di sostegno per ristoranti, teatri, palestre | Password Magazine

Decreto Ristori, ecco le misure di sostegno per ristoranti, teatri, palestre

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Varato il Decreto Ristori, una misura che vale complessivamente oltre 5 miliardi e che sarà utilizzata per dare risorse immediate alle categorie e operatori economici colpite dall’ultimo Dpcm.  Lo ha illustrato ieri sera in conferenza stampa Giuseppe Conte: «Contributi a fondo perduto che arriveranno direttamente sul conto corrente con bonifico dell’agenzia delle entrate. Confidiamo che a metà novembre chi ha aderito alla prima edizione potrà riceverlo, subito dopo anche gli altri». Previste anche altre misure come come credito di imposta per gli affitti, esenzione seconda rata Imu, sospensione versamento contributivo per i lavoratori del mese di novembre, indennità per i lavoratori dello spettacolo e altre ancora.

Ha detto il premier: «Stiamo incontrando le categorie, avviando un dialogo e aprendo a un approccio costruttivo. Non ci sfuggono sacrifici e le difficoltà, obiettivo scelte criticate ma non abbiamo fatto scelte indiscriminate. Per evitare che la curva ci sfugga è indispensabile ridurre le principali occasioni di socialità. Solo in questo modo possiamo decongestionare i mezzi pubblici, evitare gli assembramenti, alleggerire il sistema dei tracciamenti. Non possiamo illuderci che con una curva epidemiologica in salita le persone possano andare al ristorante o andare palestra senza timori. Queste misure sono necessarie se vogliamo arrivare con più serenità al Natale. Non possiamo arrivare al lockdown generalizzato. Dobbiamo continuare su questa strada».

Come ha spiegato poi il ministro Gualtieri, il Decreto mobilita una massa consistente di risorse più di 5 miliardi.

Ai ristoranti da 5 a 25 mila euro, fino a 30 mila per i teatri.

«Il Dl Ristori è contrassegnato da rapidità, semplificità ed efficacia, il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente a oltre 300 mila aziende che già lo hanno già avuto, e quindi contiamo per metà novembre di avere tutti bonifici effettuati da parte dell’Agenzia delle Entrate. Ci sono inoltre le risorse per consentire la somministrazione di 2 milioni di tamponi nei mesi di novembre e dicembre».

«Il dl Ristori mobilita una massa consistente d risorse, 5,4 miliardi in termini di indebitamento netto, 6,2 miliardi in termini di saldo netto da finanziare».

«Significativo il contributo – ha aggiunto il ministro dell’Economia – L’importo medio per i ristoranti fino a 400 mila euro di fatturato – ha detto a titolo esemplificativo – è di 5.173 euro, per quelli fino a un milione di fatturato, 13.920 euro quelli fino a cinque milioni di fatturato e 25 mila euro per quelli oltre i cinque milioni». E poi «per sale da concerto e teatri l’importo per la fascia più bassa sarà circa 5 mila euro, per quella media di circa 13.900 euro, fino a 30 mila euro medi per i fatturati maggiori».

Precisa il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli: «Per i settori che prevedono una chiusura completa come palestre, piscine, teatri, cinema, l’importo viene raddoppiato». «Molti ristoranti – ha detto – sono aperti solo la sera, perdono molto più di metà del loro introito, anche per questi dopo il confronto con le categorie abbiamo deciso di applicare il coefficiente del 200%. Il 150% andrà a bar pasticcerie, gelaterie».

INel Decreto Ristori prevista un’indennità da 1.000 euro per i lavoratori stagionali del turismo (inclusi quelli con contratto di somministrazione o a tempo determinato) nonché gli stagionali degli altri settori, i lavoratori dello spettacolo, gli intermittenti, i venditori porta a porta e i prestatori d’opera, tra quelle categorie a cui la pandemia finora ha imposto i sacrifici più grandi e che sarebbero rimasti privi di ogni sostegno. Per tutte le imprese colpite dal Dpcm garantite altre 6 settimane di Cassa integrazione Covid-19 utilizzabili dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 o, in alternativa, ulteriori 4 settimane di esonero contributivo. Al contempo, prorogato il blocco dei licenziamenti fino al 31 gennaio.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.