Decreto Sicurezza, Bacci: «Da sindaco, è mio dover far rispettare le leggi»

JESI – “Decreto sicurezza”, due gli ordini del giorno sull’argomento discussi ieri in Consiglio comunale, presentati dagli schieramenti politici di opposizione PD  e Jesi in Comune.
I democratici, in particolare, chiedevano alla Giunta di impegnarsi ad esprimere vicinanza ai sindaci che hanno già manifestazione il loro dissenso, in particolare «ad esprimere adesione anche alle legittime iniziative
intraprese dai Governatori di Regione»  e a valutare l’«adozione di misure che possano, medio tempore,
consentire di soprassedere alla cancellazione dell’iscrizione anagrafica dei richiedenti che già l’avevano
acquisita, così da garantire loro l’accesso a tutte quelle prestazioni sociali collegate allo status di residente». Sulla stessa linea di pensiero Jesi in Comune che, con il suo ordine del giorno, invitava l’Amministrazione ad «approfondire tutti i profili giuridici anagrafici che deriveranno dall’applicazione della norma» e di «adottare tutte le misure necessarie che permettano di riconoscere ai richiedenti asilo l’iscrizione anagrafica ai fini della residenza, e che permettano di soprassedere alla cancellazione dell’iscrizione dei richiedenti che già l’avevano acquisita, così da garantire loro l’accesso a tutte quelle prestazioni sociali che la presuppongono».

Il sindaco Massimo Bacci però non ci sta: «Mai tradirò il giuramento fatto da sindaco, chi assume ruoli pubblici deve sottostare allo Stato e alla Costituzione – ha detto – Non è corretto che un funzionario pubblico trasgredisca la legge, è una forma di disobbedienza civile». Gli ordini del giorno sono poi andati ai voti e vengono respinti, seppur con due voci fuori dal coro nella maggioranza, quelle dei consiglieri Tommaso Cioncolini (Jesinsieme) e di Lorenza Fantini (Jesiamo) che si sono astenuti. Vota a favore dell’ordine del giorno proposto dal PD Claudia Lancioni del Movimento 5 Stelle, che sul decreto ha mostrato delle perplessità. Passa invece la risoluzione proposta dalla maggioranza: «L’impegno fattivo è per noi la miglior risposta – sostiene Jesiamo – Ci muoveremo con tavoli di confronto con gli altri Comuni della Vallesina ed i soggetti del Terzo Settore per attivare quei percorsi di aiuto e misure di sostegno verso coloro che, dal Decreto, vengono penalizzati soprattutto con la perdita della residenza anagrafica».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*