Dibattito candidati sindaco su disabilità: polemiche, scontri verbali e commozione | | Password Magazine

Dibattito candidati sindaco su disabilità: polemiche, scontri verbali e commozione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è scaldato l’incontro, “Una famiglia sola non basta”, organizzato dall’Anffas  – al Palazzo dei Convegni – tra gli aspiranti alla poltrona di primo cittadino di Jesi sul tema della disabilità alla luce delle condizioni di vita e le difficoltà che incontra chi ne è afflitto. E questa è già una notizia.

Ma ha vissuto anche un momento di forte emozione.

Andiamo per ordine. Le cause dei “conflitti” verbali? Due. La prima causa, retaggio di un confronto-scontro iniziato in precedenza, e su altro, a suon di comunicati tra Bacci e Animali, la seconda, più generale, frutto della posizione assunta dal Movimento grillino in sede di campagna elettorale in merito alla presenza o meno – con “sostituzione” – del candidato Sindaco a ogni confronto.

E da questa partiamo perché la polemica che ha infervorato le ore di approccio al dibattito è puntualmente planata in sala alle prime battute.

Non poteva essere altrimenti visto che in luogo del candidato Cinque Stelle, Luca Bertini, seduto tra il pubblico, c’era la candidata consigliera Claudia Lancioni, volontaria – e non vice presidente ha ribadito – della stessa associazione promotrice dell’incontro.

Una “sostituzione” reiterata – e che si presenterà ancora in altre sedi –  la quale non ha trovato sponda tra gli altri candidati.

Il candidato sindaco Bertini seduto tra il pubblico

Il Movimento aveva già spiegato “il perché” e la Lancioni lo ha ribadito a fronte delle critiche degli avversari: “Noi siamo un gruppo, è la nostra forza, con varie competenze che mettiamo a disposizione dei cittadini proprio per rappresentare nel miglior modo possibile le nostre posizioni. Risulta difficile comprenderlo?”.

Il primo, garbato comunque, affondo lo aveva fatto proprio Samuele Animali (Jesi in Comune e LaboratorioSinistra) osservando come “alberga nei sogni di ogni studente poter essere sostituito all’esame da un tutor. Ma non funziona così. Le responsabilità si assumono e vanno affrontate. Questo 5+1 non mi piace”.

Concorde il Sindaco uscente, Massimo Bacci (JesInsieme, Insieme Civico, PattoxJesi, JesiAmo) che ha sottolineato come “debbono essere i candidati a partecipare ai dibattiti, in prima persona. E’ vero che poi un Sindaco si avvale degli assessori ma il suo pensiero deve essere ben definito anche perché, e lo dico per esperienza, le responsabilità competono a lui”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche gli altri, Silvia Gregori (Lega Nord), per la quale “risulta incomprensibile questo modo di fare, occorre che venga fatta chiarezza” , Massimiliano Lucaboni (Libera Azione) e Osvaldo Pirani (Pd, Jesi Sostenibile).

Poi, in corso d’opera, mentre si era entrati nel vivo del botta e risposta, il diverbio a due.

“Quando si è trattato di fare tagli rispetto ai servizi chi lo ha fatto, unica, in tutta la Vallesina? Jesi…”. Ha sostenuto Animali.

“Falso!”, ha ribattuto Bacci.

“Mi sta dando del bugiardo di fronte a tutti – gli  ha risposto, allora, Animali, alzando i toni – dimostri quello che afferma”. E, per il momento, è finita lì.

Parlare di disabilità, di quello che si è fatto (poco in generale) e che si deve fare (tantissimo) con tutto quello che implica in fatto di assistenza, servizi, accessibilità, è un esercizio complicato. Perché di tempo se ne è perso davvero tanto.

I candidati hanno esposto il loro pensiero, i progetti, le difficoltà oggettive che ci sono nell’operare.

Claudia Lancioni, che vive anche un’esperienza di disabilità in famiglia, con il fratello, a un certo punto si è commossa ricordando di essersi “candidata proprio perché voglio provare a cambiare qualcosa nel sociale. Mio fratello ha richiesto il Pei – Piano educativo individualizzato – ma non è stato accettato. Sta a casa così… e non c’è niente che, per ora, si possa fare. Sono tante le famiglie che prima vengono illuse e poi lasciate da sole. E’ umiliante”.

Bacci ha parlato del Peba – il Piano di abbattimento delle barriere architettoniche – , obbligatorio dal 1986 e come “non era stato fatto assolutamente nulla sino all’insediamento di questa Amministrazione che ha avviato l’iter. E voglio anche ricordare gli interventi alla scuola “Conti” e all’impianto di risalita di via Castelfidardo”.

“La Regione ha le sue grandi responsabilità quando taglia e taglia in continuazione – ha affermato Silvia Gregori – e destina ad altro i fondi per i servizi alle fasce più deboli. In città sono tante le barriere architettoniche e perché si possano rendere accessibili un luogo, una struttura, occorre capire che i progetti vanno affrontati con la consulenza di chi questi problemi di disabilità li vive”.

Osvaldo Pirani ha annunciato la figura del disability manager, al quale saranno demandate tutte le questioni inerenti la sfera della disabilità, con uno sguardo all’integrazione dei servizi e a maggiori opportunità di socializzazione. Sempre a proposito del Peba, ha puntualizzato come “per l’attuazione mancano ancora progetto, affidamento e fondi necessari”.

Massimiliano Lucaboni  ha riproposto “il progetto mini appartamenti a Colle Paradiso per le famiglie con un congiunto disabile, anche se bisognerà mettere mano al Piano Regolatore. E serve un maggiore collegamento con la Regione perché un Sindaco deve farsi rispettare di più di quanto è accaduto sino ad ora”.

A cura di Pino Nardella

Fotoservizio: Cristian Ballarini

1 Commento su Dibattito candidati sindaco su disabilità: polemiche, scontri verbali e commozione

  1. Nello scontro verbale fra Bacci e Animali, mi pare del tutto strumentale la reazione di quest’ultimo: dire che un fatto sia falso, significa semplicemente che non risponda al vero, non che chi lo dica sia un bugiardo; in effetti, la falsità di una notizia riferita può semplicemente significare che chi la dica si sbagli, non che menta…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.