Dicarica, Sogenus presenta tutti i dati sulla gestione dei rifiuti | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Dicarica, Sogenus presenta tutti i dati sulla gestione dei rifiuti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – È stato presentato sabato, a Moie di Maiolati Spontini, il Report 2015 contenente tutti i dati relativi alla raccolta, al trasporto, al recupero e allo smaltimento dei rifiuti nella discarica “La Cornacchia”, gestita da Sogenus per i 12 Comuni della Vallesina, membri del CIS-Consorzio Intercomunale Servizi. Dopo i saluti istituzionali di Umberto Domizioli, Sindaco di Maiolati Spontini, sono intervenuti Eddi Ceccarelli, Presidente di Sogenus, e Mauro Ragaini, Direttore Generale di Sogenus, che hanno commentato, in un confronto con la cittadinanza, le informazioni contenute nel documento.

La raccolta dei rifiuti avviati a recupero

Nella discarica “La Cornacchia”, vengono smaltiti rifiuti urbani sottoposti a trattamento di trito-vagliatura, rifiuti ingombranti, nonché rifiuti speciali non pericolosi e alcune categorie di rifiuti speciali pericolosi provenienti prevalentemente dalle Marche. Dal 2009 Sogenus gestisce anche la raccolta differenziata per i Comuni del CIS. Tra il 2012 e il 2014, la raccolta totale di RSU avviati al recupero è cresciuta passando dagli oltre 7 milioni e 770 mila kg a più di 8 milioni e 480 mila kg (+9,14%). La percentuale media di raccolta differenziata del CIS è cresciuta raggiungendo nel 2014 il 58,74% degli RSU totali raccolti contro il 56,22% del 2012. Analizzando nel dettaglio i dati 2014, è il Comune di Maiolati Spontini a registrare il maggior quantitativo di RSU totali raccolti e avviati a trattamento e recupero che superando 1 milione e 791 mila kg porta la raccolta differenziata al 67,58% avviato a recupero. Seguono Rosora, Castelbellino e Mergo nei quali, rispettivamente, sono stati raccolti e destinati a trattamento e recupero oltre 489 mila kg, pari a una raccolta differenziata del 67,39% avviato al recupero, oltre 1 milione e 175 mila kg, pari al 66,74% avviato al recupero, e oltre 293 mila kg, pari al 65,61% avviato al recupero.

La gestione economica: i costi di smaltimento in discarica e la TARI

Nell’ultimo quadriennio in tutti i Comuni gestiti da Sogenus, ad eccezione del Comune di San Paolo di Jesi, è stata registrata un’importante riduzione dei costi di smaltimento in discarica, compresivi dell’ecotributo. Intensificando e ottimizzando il servizio di raccolta differenziata, sono stati in particolar modo, i Comuni di Rosora, Maiolati Spontini e Castelbellino ad abbattere i costi, con una decrescita rispettivamente del 50%, del 49% e del 44%. Le ottime performance conseguite hanno permesso di limitare l’impatto dei costi di smaltimento sulla TARI, mai superiori al 15%, con un notevole beneficio per i contribuenti.

La captazione di biogas e la generazione di energia elettrica

Nell’ultimo triennio si è registrato un costante decremento di biogas recuperato, passato dai circa 7 milioni di metri cubi del 2012 agli oltre 4 milioni di metri cubi del 2014. La contrazione è attribuibile anche al cambiamento della normativa che vieta lo smaltimento delle matrici ad alto contenuto di carbonio (carta, cartone, stracci, e rifiuti organici). La produzione di energia elettrica da biogas è passata, quindi, dagli oltre 11 milioni di kW nel 2012 ai solo 6 milioni di kW nel 2014.

Le prestazioni ambientali di Sogenus

L’impegno di Sogenus nella tutela dell’ambiente si manifesta anche attraverso l’adozione di pratiche ecosostenibili per la gestione della discarica. I kilowattora spesi nel 2014 si sono attestati a 151.221 (-15% rispetto al 2013). Grazie a un’ottimizzazione della logistica, si registra un dato rilevante anche per il consumo di carburante, pari a 359,702 mc (-2,1% rispetto al 2013). Sogenus, inoltre, ha ridotto i consumi relativi alla risorsa idrica, passando dai 4.594 mc del 2012 ai 3.957 mc dell’ultimo anno, e la produzione dei rifiuti: nel 2014 vi è stata una netta diminuzione, pari a 208,155 ton, quasi il 92% in meno rispetto all’anno precedente.

Il monitoraggio delle matrici ambientali in discarica

Uno degli aspetti più delicati nella gestione della discarica è legato allo smaltimento del percolato. Sogenus gestisce questo rifiuto speciale non pericoloso in modo efficace e seguendo specifici standard di sicurezza. L’azienda opera, inoltre, un controllo delle emissioni in atmosfera, delle emissioni sonore, delle emissioni odorose e organiche volatili e di quelle polverose attraverso enti e società accreditate che hanno sempre confermato il rispetto dei limiti di legge e una situazione di piena accettabilità. Nel 2014 è stata elaborata poi una Cartografia della Vegetazione informatizzata per interpretare i dati provenienti dai biomonitoraggi condotti attraverso bioindicatori, tra cui le api. In 8 anni, non è stata rilevata alcuna presenza di inquinamento da fitofarmaci né il superamento dei valori di riferimento di metalli pesanti per le aree industrializzate (cadmio, nichel e piombo) sulle api e nel miele.

La presentazione di questo report è un’ulteriore conferma – ha commentato Umberto Domizioli, Sindaco di Maiolati Spontiniche tutta l’attività di Sogenus è improntata a una totale trasparenza, oltre che al rispetto dell’ambiente e delle esigenze dei cittadini. Questi sono aspetti fondamentali per una società pubblica che gestisce un servizio strategico come quello dei rifiuti. È opportuno ricordare che questo servizio è rivolto non solo alle famiglie ma anche alle imprese artigiane e commerciali di tutto il territorio. A riprova che questa società è una realtà importante per l’intera Vallesina e come tale rappresenta un patrimonio che va difeso e salvaguardato”.

Questo Report è un’ulteriore conferma – ha detto Eddi Ceccarelli, Presidente di Sogenusdell’impegno con cui svolgiamo la nostra attività, in assoluta trasparenza. Vogliamo ‘stravolgere’ il concetto diffuso di discarica puntando su un’identità green e sempre più ecosostenibile. Ne è la dimostrazione la recente inaugurazione dell’Oasi della biodiversità, uno dei più interessanti progetti in Italia di riqualificazione del territorio e di recupero della biodiversità locale. In questo momento siamo in attesa di vedere concluso positivamente l’iter di approvazione del progetto di completamento dell’ampliamento dell’impianto, la cui attuazione è resa necessaria per favorire in circa 8 anni la sua definitiva chiusura, come deliberato dal Comune di Maiolati Spontini”.

Tutti i dati che abbiamo raccolto e illustrato in maniera organica nel nostro primo Report di attività – ha dichiarato Mauro Ragaini, Direttore Generale di Sogenusrappresentano la più solida conferma di come un’amministrazione moderna, controllata e virtuosa dell’impianto costituisca la migliore risposta all’annoso problema della gestione dei rifiuti. Il nostro obiettivo è migliorare ulteriormente gli standard ambientali previsti dalla legge, nonostante i monitoraggi effettuati dimostrino in modo inequivocabile come la discarica non provochi alcun impatto sia sulla salute dei lavoratori e dei cittadini che sull’ambiente circostante. Quanto abbiamo raccontato nel Report può essere verificato e sperimentato attraverso visite guidate rivolte a cittadini, studenti, autorità e giornalisti, nella discarica controllata ‘La Cornacchia’. Oltre a rappresentare un ottimo esempio del settore a livello nazionale, la discarica del Comune di Maiolati Spontini appartiene al territorio e contribuisce in termini economici al suo sviluppo grazie ai servizi erogati e ai proventi generati dalla sua gestione ecosostenibile”.

Sogenus S.p.A.

Dal 1989 Sogenus si occupa di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento di rifiuti. Dal 2009 è divenuta una società per azioni a partecipazione interamente pubblica: appartiene al territorio e ne cura con professionalità e responsabilità il benessere ambientale attraverso la realizzazione del servizio di raccolta differenziata per i 12 Comuni soci della Vallesina. Da più di vent’anni, inoltre, Sogenus gestisce la discarica “La Cornacchia”, di proprietà del Comune di Maiolati Spontini (AN), impegnandosi, in linea con le direttive europee, nella prevenzione dei rifiuti, nel loro recupero e smaltimento nell’impianto come soluzione residuale.

Comunicato da: Sogenus S.p.a.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.