Dillo a Osvaldo, prossimo incontro in via Roma | | Password Magazine

Dillo a Osvaldo, prossimo incontro in via Roma

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  “Se si perde la capacità di sognare e di progettare nel lungo periodo, le cose importanti non le faremo mai”: così Osvaldo Pirani, candidato del Partito Democratico a sindaco di Jesi, durante l’incontro al ristorante Quirino con i residenti  del quartiere Smia.

Si è parlato di rotatorie, costose ma necessarie, di sanità, di housing sociale, di manutenzione e socialità. Il quartiere Smia è una zona residenziale moderna e ben servita, ma del tutto priva di luoghi di aggregazione per chi vi abita. Una prova è la necessità di ricorrere alla sala di un ristorante privato per svolgere questa riunione.

Una struttura dedicata a questo scopo è necessaria, eppure i fondi che potevano servire allo scopo, sono stati dirottati altrove. Questione di scelte, ma alla fine a prevalere sono sempre motivi di bilancio, inteso in questi anni di amministrazione Bacci “non come strumento al servizio di una politica, ma come fine unico dell’azione amministrativa”.

Osvaldo Pirani ha illustrato ai presenti i punti focali del suo programma. Ancora una volta ha sottolineato l’importanza di riallacciare rapporti con le istituzioni sovracomunali, in primis la Regione, e con il territorio circostante, che solo se unito può ambire a crescere. Ha parlato del sogno di una Cittadella della salute da far crescere e funzionare attorno al Carlo Urbani, con una stoccata all’attuale amministrazione: “l’Ospedale nuovo lo ha voluto il centro sinistra ed è stato completato grazie agli sforzi della Regione, gli strepiti di Bacci non sono serviti a niente”.

Si è parlato ancora una volta di sicurezza, questione che non si può pensare di risolvere con un pugno di telecamere, ma che necessita di politiche serie e di ampio respiro. Il discorso è finito anche sulla torre Erap, “un progetto che – ha detto Pirani – quando fu avviato aveva un senso, inserito nel contesto di una generale riqualificazione di quella zona, ma che ora non appare più sostenibile. Eppure il problema delle case popolari è ancora di attualità, allora perché non pensare di sedersi attorno ad un tavolo con l’Erap e individuare, in luogo di un palazzo di sette piani, soluzioni meno impattanti magari dislocate su vari quartieri?”.

Dillo a Osvaldo continua stasera (ore 21) al circoletto di Via Roma e il 12 aprile in largo Salvador Allende.

Comunicato da: PD Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.