Discarica, anche Monte Roberto dice basta e valuta ricorso al Tar contro ampliamento | | Password Magazine

Discarica, anche Monte Roberto dice basta e valuta ricorso al Tar contro ampliamento

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – “Basta discarica, saranno valutate azioni legali da intraprendere”. Dopo il no tuonato Castelbellino contro l’ampliamento autorizzato dalla Provincia, anche l’Amministrazione comunale di Monte Roberto annuncia di voler chiedere mandato al proprio Consiglio comunale per presentare ricorso al Tar, affiancandosi al Comune vicino.

“In più occasioni questa Amministrazione, nelle varie sedi politiche ed istituzionali e con vari interlocutori, ha invitato a trovare soluzioni alternative a quella dell’abbancamento dei rifiuti – si legge in una nota stampa inviata dal Comune – A nostro avviso più di due anni fa, c’erano i tempi necessari per mettere in campo progetti che potessero dare un futuro alla Sogenus e garantire l’occupazione dei lavoratori, invece oggi, dopo che la Provincia ha rilasciato le due autorizzazioni, ci ritroviamo ancora a dover discutere con il Comune di Maiolati Spontini sulla necessità di mettere la parola fine e una data certa per la chiusura della discarica”.

A questo punto Monte Roberto dice basta e, in opposizione alle due autorizzazioni date dalla Provincia, ma soprattutto “dopo la “fantasiosa” interpretazione data dalla Regione che dà possibilità di ampliare fino al 30% quanto già autorizzato nel 2005, valuteremo le azioni legali da intraprendere”.

“Per noi non è più sufficiente quanto scritto dalla Provincia stessa nelle autorizzazioni quando dice che, ….“un eventuale ampliamento sotto soglia ……. dovrà tener conto anche dell’impatto sul sistema ambientale e sociale che, nel caso in questione, subisce le pressioni della discarica “la cornacchia” oramai da anni” –  è il parere dell’Amministrazione comunale – Così come non è più sufficiente quanto scritto ai Sindaci CIS dal Sindaco di Maiolati quando dice…..”qualsiasi progetto di ampliamento futuro sarà portato avanti solo in presenza di una forte condivisione dei Comuni del CIS e della Sogenus”. Secondo noi è evidente che, sia nella determinazione del Dirigente della Provincia nonché nell’intenzione dell’Amministrazione di Maiolati, ci sia il tentativo di lasciare aperto uno spiraglio per future richieste di ampliamento”.

Sulla decisione pesa anche il parere legale chiesto e fatto pervenire ai Comuni da Sogenus, specialmente nella parte che riguarda “…connessi profili di responsabilità degli Organi Societari”: “Dalla lettura – si legge nella nota stampa – ne viene fuori il tentativo di intimidazione, veramente vergognoso, rivolto ai quei soci che intraprendono iniziative che possono arrecare pregiudizio alla redditività ed al valore della partecipazione sociale”.

In conclusione l’Amministrazione, intende chiedere mandato al proprio Consiglio Comunale per il ricorso al TAR e presentare, all’assemblea dei soci CIS, una mozione riguardante il futuro della società Sogenus. “Sulla base dei risultati di questa mozione, si darà poi mandato al Presidente di CIS di rappresentarla all’interno della società partecipata – sentenzia il Comune di Monte Roberto – Da parte nostra restiamo disponibili ad una mediazione, mettendo in campo da subito, però, ipotesi progettuali per il futuro dell’azienda”.

 

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.