Discarica, Cursi: "Tar bocciato ampliamento? Ora si pensi al futuro" | | Password Magazine

Discarica, Cursi: “Tar bocciato ampliamento? Ora si pensi al futuro”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


MAIOLATI SPONTINI – Il capo del gruppo consiliare “Innovazione e Responsabilità” di Maiolati Spontini Aldo Cursi punta il dito contro l’Amministrazione comunale per il rammarico espresso a seguito della bocciatura del ricorso presentato al TAR sul progetto di ampliamento della discarica.

“L’Amministrazione di Maiolati Spontini si rammarica e preannuncia pesanti ripercussioni, sul futuro del nostro comune, per la bocciatura del ricorso fatto dalla SOGENUS e dal Comune di Maiolati Sp., avverso il diniego all’ampliamento della discarica emesso dalla Provincia di Ancona, balenando addirittura un possibile un “ricorso all’organo superiore di giudizio – scrive Cursi in una nota stampa – Si può ben dire: “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. E sì, perché non è bastata la bocciatura della Provincia e forse non basterà neanche questa del TAR, ai nostri super esperti giureconsulti Amministratori”.

E aggiunge: “Invece di pensare, come avrebbero dovuto fare da qualche lustro, a come rientrare dalla dipendenza dagli utili SOGENUS del bilancio del Comune, oggi recriminano perché il futuro della comunità maiolatese non è più roseo, dimenticandosi di una cosa semplice: la discarica di Moie non può essere ampliata, perché oramai troppo vicina all’abitato o semplicemente perché non è salutare, come recita la stessa legge, che definisce la discarica come un sito “insalubre”.

“Dopo quasi trent’anni di presenza della discarica a Moie, i nostri Amministratori avrebbero voluto prolungarne la vita, forti del fatto che la discarica oggi è un “male necessario”…sì ma perché sempre a Moie? – domanda Cursi nella nota –  Già dal 2004, nel programma della lista Carbini e della candidata alla presidenza della Provincia (Casagrande), si parlava di dislocare la Discarica di Moie in altri territori della provincia: perché non si è mantenuto l’impegno preso con gli elettori?”.

La lista “Innovazione e Responsabilità”, ricorda il capogruppo,  dal 2014, nel suo programma elettorale proponeva una soluzione, in maniera soft ( chiusura graduale entro il 2020!): “Gli Amministratori non hanno voluto recepire la proposta e sono andati avanti a testa bassa, sbattendo contro il muro, portando così la comunità maiolatese e la Sogenus in un vicolo cieco. Ora basta accanimento, si pensi al futuro!”.

Per questo ci vorranno idee nuove e convinzione per portarle avanti; le idee, come i progetti però camminano sulle “gambe” delle persone: “Questa Giunta ha dimostrato ampiamente di avere in testa una sola cosa: il canone SOGENUS e come spenderlo!  Dopo il fallimento della fusione (accorpamento!!) con Rosora, l’assottigliamento del consorzio cimiteriale (con l’uscita di Castelbellino) ed ora la sonora bocciatura del TAR sull’ampliamento della discarica, per tutti questi motivi (e non solo) la lista “Innovazione e Responsabilità” torna a chiedere le dimissioni di questa compagine amministrativa, palesemente non in grado di amministrare in modo oculato e in buona armonia con i comuni della Media Vallesina!”.

Comunicato da: Innovazione e Responsabilità

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.