Discarica, Maiolati: "No ulteriori ampliamenti". Respinto il secondo ricorso | | Password Magazine
Banner4Baffi

Discarica, Maiolati: “No ulteriori ampliamenti”. Respinto il secondo ricorso

MAIOLATI SPONTINI – Discarica La Cornacchia, l’Amministrazione di Maiolati Spontini fa chiarezza “Non sono previsti né ipotizzati ulteriori ampliamenti”. Queste le parole del sindaco Umberto Domizioli per placare gli animi dopo la protesta dei comitati e le scintille durante l’iniziativa “Porte aperte alla discarica” avvenute sabato scorso.

Contro l’ampliamento c’era stato anche il ricorso al Consiglio di Stato ma il Comune di Maiolati precisa: “La richiesta di sospensione dell’attività di smaltimento rifiuti dell’impianto di via Cornacchia, gestito da Sogenus e di proprietà del Comune di Maiolati Spontini, è stata respinta dalla IV Sezione del Consiglio di Stato con Sentenza n. 04524 del 27 giugno del 2018″.

Bocciata dunque anche la richiesta di sospensiva avanzata dai Comuni di Castelbellino e Monte Roberto con la seguente motivazione: “non sono stati prospettati decisivi elementi in termini di pericolosità per la salute dell’intervento in ordine alla cui legittimità si controverte; rilevato altresì che, in tale chiave prospettica, non risultano valutabili circostanze (quali il temuto ampliamento dell’impianto) che non risultano attuali”.

“La volumetria dei rifiuti ad oggi autorizzata andrà ad esaurirsi nell’aprile 2019 – precisa Domizioli – la volontà del Comune di Maiolati Spontini e di Sogenus è quella di chiedere l’autorizzazione per una manutenzione straordinaria della prima porzione di discarica ormai chiusa. Questo intervento, di una durata pari ad un massimo di due anni, è stato deciso nell’ottica di una più capillare gestione dell’impianto a tutela dell’ambiente. L’impermeabilizzazione della copertura eviterà la penetrazione delle acque piovane nel terreno e quindi limiterà la produzione di ulteriore percolato e degli annessi costi di smaltimento”.

“Quello che emerge in maniera netta, ancora una volta, è che non sono stati prospettati elementi di pericolosità per la salute. L’impianto di smaltimento gestito dalla Sogenus è stato anzi riconosciuto da tutte le parti in causa come esempio di buona gestione aziendale. Vale la pena ricordare che ad oggi non sono mai stati segnalati dalle Autorità preposte casi di superamento dei limiti di legge o episodi di inquinamento ambientale”.

“Siamo molto soddisfatti – sottolinea il sindaco Domizioli – di apprendere che il Consiglio di Stato, dopo il TAR delle Marche nello scorso febbraio, abbia respinto anche il secondo ricorso dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto, anche se ora bisogna attendere la sentenza del merito. Non sono ad oggi previsti né ipotizzati ulteriori ampliamenti della discarica La Cornacchia, questo per precisa volontà politica dell’attuale Amministrazione. Il ricorso ‘preventivo’ avanzato dai due Comuni limitrofi, che dopo il rifiuto del TAR hanno deciso di tentare anche il secondo grado di giudizio del Consiglio di Stato, al momento non ha dato il risultato da essi sperato. Con l’occasione riteniamo utile e doveroso un appello alle rappresentanze istituzionali dei Comuni di Castelbellino e Monte Roberto: questa lotta portata avanti da svariati anni, condotta su diversi piani, non può che arrecare tensione e danno ai rapporti intercomunali. Chiediamo quindi un atto di responsabilità, scelta intrapresa già dal nostro Comune quando, pur potendo legittimamente adire il Consiglio di Stato, a seguito della bocciatura del Tar Marche della richiesta del completamento dell’ampliamento, decise di rinunciare ad ulteriori inasprimenti dovuti all’intervento giudiziario”.

“La politica deve essere altra cosa dalle aule dei tribunali, deve occuparsi del bene della città e dei suoi cittadini, e dovrebbe farlo, oggi più che mai, anche grazie a collaborazioni intercomunali fondate sulla fiducia e sul rispetto reciproci”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.