Discarica, il TAR boccia l'ampliamento. Castelbellino: "Abbiamo fatto il nostro dovere a difesa della comunità". | | Password Magazine

Discarica, il TAR boccia l'ampliamento. Castelbellino: "Abbiamo fatto il nostro dovere a difesa della comunità".

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Bocciato dal TAR il ricorso del Comune di Maiolati contro il provvedimento della Provincia che rigettava il progetto di ampliamento della discarica La Cornacchia. Tale piano prevedeva uno sviluppo ulteriore dell’impianto, destinato al 100% ai rifiuti speciali, su un’area – a sud dell’attuale dislocazione – di 15 ettari per un volume di circa 1.500.000 metri cubi pari a circa 14 anni di attività (circa 100.000 t/a).

A spingere la Provincia verso il diniego due motivazioni, messe in chiaro durante la Conferenza dei Servizi del marzo scorso: in primo luogo, secondo il parere espresso dalla Regione Marche, il Nuovo Piano regionale dei Rifiuti (approvato nel febbraio 2015 e quindi due anni successivo al progetto di ampliamento) definiva la Cornacchia una discarica “in esaurimento”, stabilendo una serie di criteri per la regolamentazione della gestione dei rifiuti. Inoltre, l’attuazione dell’ampliamento non avrebbe rispettato il parametro di distanza dell’impianto dai centri abitati e luoghi sensibili che, secondo la normativa, non può essere inferiore ai 2 chilometri.

Contro tale determinazione n.961/2016, il Comune di Maiolati aveva allora presentato ricorso al TAR, sostenendo che la Conferenza dei Servizi non metteva in evidenza “alcun nesso tra discarica ed eventuali eccessi di particolari malattie nel territorio” e che il parere formulato dalla Regione stessa presentava “evidenti contraddizioni, anche rispetto a precedenti pronunciamenti e ad altri atti della Regione stessa”.

Nella giornata di ieri, la sentenza definitiva su questa vicenda: il TAR si è espresso respingendo il ricorso presentato dal Comune. Motivo considerato dal TAR nelle sentenze oggi pubblicate (n.72/2017 e n.63/2017) e che assorbe tutti gli altri motivi di ricorso perché ritenuto insanabile è la sussistenza e l’applicabilità del criterio localizzativo dei 2 chilometri di distanza dai centri abitati:

( “6.2 …vanno applicati i criteri localizzativi di cui al PRGR previgente (1999), come modificati dalla variante introdotta con la deliberazione amministrativa del Consiglio Regionale n. 66/2013

6.7 L’insanabile contrasto del progetto con il vincolo della distanza dai centri abitati di cui al PRGR del 1999 (come modificato nel 2013) rende irrilevante la trattazione delle restanti censure, incluse quelle rivolte contro gli ulteriori profili che sorreggono la valutazione negativa di compatibilità ambientale e il consequenziale diniego di rilascio dell’AIA”).

“Abbiamo fatto il nostro dovere a difesa della comunità – sono le prime parole di commento dall’Amministrazione comunale di Castelbellino, l’unico comune della Vallesina ad essersi costituito in giudizio – Ci sono voluti altri tre anni di battaglie per far semplicemente rispettare una legge, scaturendo una serie di contrasti e polemiche che, sicuramente, non hanno fatto bene al territorio. Ora bisogna guardare al futuro”.

A contribuire alla battaglia contro l’ampliamento anche il comitato locale del M5S con azioni di ricerca, studio e analisi della documentazione e ACU Marche, l’Associazione Consumatori Utenti intervenuta in giudizio ad opponendum. 

“Fra le tante vittorie che abbiamo conseguito in questi anni, quella confermata oggi è una delle più limpide ed emblematiche del ruolo fondamentale che possono avere cittadini onesti e preparati i quali, dentro le Istituzioni e presentando gli atti nelle sedi competenti, possono fanno valere i diritti della collettività a tutela dell’Ambiente, della Salute e del bene comune – sono le parole del portavoce del Mov 5 Stelle di Jesi Massimo Gianangeli – Una grande risultato soprattutto grazie ad un lavoro encomiabile e di squadra assieme agli amici di tutto il gruppo del MoV 5 Stelle di Maiolati ed ai portavoce M5S Leonardo Guerro e Gianpiero Ruggeri”.

Rammarico e preoccupazione dal Comune di Maiolati Spontini che invece commenta: ” Un no basato su una norma emersa solo nella fase conclusiva l’istruttoria. Un no che toglie risorse e avrà pesanti ripercussioni sul territorio. Tutto questo dovrà essere oggetto di riflessione dei prossimi giorni così come la valutazione dell’opportunità di un ricorso a all’organo superiore di giudizio”.

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.