Discarica "La Cornacchia", la Commissione Ambiente di Jesi boccia l'ampliamento | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Discarica "La Cornacchia", la Commissione Ambiente di Jesi boccia l'ampliamento

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La Commissione Ambiente istituita dal Consiglio comunale e presieduta da Massimo Gianangeli ha approvato nella sua ultima seduta il documento conclusivo dei lavori di approfondimento sul progetto di ampliamento della discarica di Maiolati Spontini e sul sistema di organizzazione della gestione rifiuti in Vallesina.

La Commissione Ambiente ha espresso la propria contrarietà, o comunque forti dubbi e gravi perplessità, al progetto di completamento dell’ampliamento del 4° stralcio della discarica – comparto rifiuti speciali, proposto dal Comune di Maiolati Spontini. Per questo invita il Comune di Maiolati Spontini a ritirare il progetto in questione ed a partecipare assieme agli altri Comuni della Vallesina alla realizzazione di un progetto di gestione virtuosa dei rifiuti, non basato sulla discarica e sulla combustione dei rifiuti. La Commissione ha chiesto inoltre l’impegno dell’Amministrazione a richiedere alla Provincia una verifica dell’iter seguito e della sussistenza di tutti i requisiti di legittimità e delle condizioni di ammissibilità, imprescindibili ai fini dell’avvio e della prosecuzione dell’iter autorizzativo, e comunque, prima di qualsiasi eventuale autorizzazione, la richiesta da parte della stessa Provincia ad Arpam ed Asur di effettuare i necessari approfondimenti tecnici di rispettiva competenza. Inoltre è stato richiesto l’impegno dell’Amministrazione comunale sia a mettere in campo ogni azione volta ad ottenere una adeguata indagine epidemiologica per le popolazioni residenti nelle aree limitrofe alla discarica, finalizzata a rilevare eventuali connessioni fra le pressioni ambientali e lo stato di Salute delle persone, sia a richiedere un miglioramento del monitoraggio ambientale ai fini del suo adeguamento alle direttive previste dalla legge.

Nel documento approvato, infine, la Commissione Ambiente impegna l’Amministrazione a mettere in campo ogni azione volta ad una rivisitazione degli assetti organizzativi e societari, al fine di garantire una migliore redistribuzione dei benefici economici derivanti dalla discarica e di ottenere che gli utili vengano reinvestiti nella attività o in un progetto di riconversione della stessa, utilizzando la eventuale parte eccedente degli utili per la riduzione delle tariffe di conferimento, e prevedendo eventualmente un premio per i Comuni più virtuosi, con un deciso cambiamento rispetto alle modalità ed alle previsioni seguite e finora adottate da Sogenus, che ha privilegiato la mera distribuzione di utili ai soci.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.