Discarica, M5S Maiolati replica ad Anconambiente: "Le precisazioni le farà l'Anac" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Discarica, M5S Maiolati replica ad Anconambiente: “Le precisazioni le farà l’Anac”

MAIOLATI SPONTINI –  Riportiamo la replica del Movimento 5 Stelle ad Anconambiente:

Apprendiamo con piacere che Anconambiente Spa, sotto la gestione di Antonio Gitto (2014-2017) abbia risolto i suoi problemi di bilancio, ma in passato (e questo per voce degli stessi soci) i dividendi Sogenus, molto più cospicui del presente, sono stati determinanti per il pareggio della partecipata anconetana, i cui rappresentanti dentro l’assemblea Sogenus hanno spesso avuto divergenze di vedute, rispetto ai sindaci, sulla suddivisione degli utili .

Poi, non si capisce il motivo per cui le aziende pubbliche che erogano servizi non possono essere in concorrenza?! Abbiamo sentito innumerevoli volte da amministratori e dirigenti Sogenus e da amministratori del Comune di Maiolati che, nel settore, la concorrenza è spietata e spesso sleale e che per rimanere nel mercato è necessario non aumentare troppo la tariffa di conferimenti. Per cui l’affermazione del presidente Gitto “non sono aziende che devono sottrarsi clienti l’un l’altra” sarà pure un buon proposito, ma non sta né in cielo né in terra!

Per quanto riguarda la “complementarietà” delle due partecipate, c’è da dire, innanzitutto, che Sogenus non gestisce solo la discarica, ma svolge anche tutti gli altri servizi di raccolta, trasporto, inoltro a trattamento, raccolta differenziata, ecc. proprio come Anconambiente; poi, per il fatto che Anconambiente non dispone di una discarica, per questo, sarebbe complementare?!

Presidente Gitto, perché la sua azienda non gestisce un simile impianto nell’anconetano?

La risposta è semplice. Perché al tempo dei Consorzi Obbligatori, Conero Ambiente, cioè il sub Ambito 1, per anni e anni, nonostante le prese di posizione (a parole) del Comune di Maiolati, del CIS, della Sogenus e della Provincia (mmmh!), volutamente (sapendo che non sarebbe stato mai commissariato) boicottò la costruzione di una discarica a servizio dei Comuni della costa (prevista nell’allora PPGR), poiché alla politica anconetana, trasversalmente, una tale opera era, elettoralmente, sconveniente, anche per la presenza in quei territori di numerose e combattive associazioni e comitati ecologisti. Poi, il problema venne scaricato sul territorio del Comune di Filottrano e tra continui ricorsi e controricorsi si arrivò al 2009, anno in cui venne partorita dalla Regione la legge 24 che decretò la fine dei Consorzi Obbligatori (che poi, invece, continuarono a vivere per quattro anni ancora, fino alla costituzione “operativa” dell’ATA) e dei sub Ambiti territoriali e stabilì che, grazie alla raccolta differenziata, non c’era più bisogno della terza discarica, guarda caso, quella che avrebbe dovuto realizzare Conero Ambiente nel sub Ambito1 (Ancona e dintorni), ma erano sufficienti e “strategiche” per tutti quelle dell’entroterra, del sub Ambito 2, Maiolati Spontini e Corinaldo. E così, con questa legge “salvacapraecavoli”, straordinariamente sollecita rispetto alla media regionale, “vissero tutti felici e contenti”: la politica anconetana, senza doversela vedere con i cittadini ed i comitati “antidiscarica”, il Consorzio Conero Ambiente, che così non doveva più dimostrare di avere già pronto il progetto della terza discarica nel cassetto o nella valigetta 24 ore di Brandoni (l’allora presidente di Conero Ambiente si presentò una sera in Consiglio Comunale a Maiolati, dicendo di avere il progetto nella 24 ore, ma si guardò bene dall’aprirla e, ovviamente, nessuno gli credette, compresa la maggioranza!) e, per finire … anche il Comune di Maiolati che, avendo sacrificato la discarica dei “poretti” (RSU) sugli altari della “ragion di stato”, già veleggiava verso lidi più redditizi, quelli dei Rifiuti Speciali (nel 2010, sincronismo perfetto, la Sogenus mutò il suo oggetto sociale che divenne “esercizio di servizi e di attività afferenti lo smaltimento dei rifiuti speciali non assimilati ai rifiuti urbani”.

Questa è la storia della complementarietà, non altre.

 

Per quanto riguarda la designazione di Ciotti da parte di Anconambiente Spa, quale componente del CdA di Sogenus Spa, in riferimento al concetto di controllo di cui all’art. 2359 – Società controllate e società collegate – del Codice Civile, va detto quanto segue:

 

1) Sono da considerare società controllate anche “le società che sono sotto influenza dominante di un’altra società in virtù di particolari vincoli contrattuali”.

 

2) Sogenus Spa è partecipata da CIS Srl che ne detiene la maggioranza relativa con il 38%; CIS Srl è a sua volta partecipata interamente da 12 Comuni, i quali, singolarmente, detengono essi stessi piccole quote azionarie in Sogenus; hanno, inoltre, quote azionarie Jesiservizi Srl (2%) e Anconambiente Spa (24%).

 

3) I Comuni rappresentati in Sogenus sono 14, di cui 12 hanno affidato il servizio pubblico di raccolta, trasporto e trattamento degli RSU e la raccolta differenziata a CIS Srl, che ha stipulato appositi contratti di servizio con Sogenus.

 

4) Appare, quindi, evidente (ma sarà l’ANAC a chiarire la questione) l’influenza dominante di CIS Srl all’interno della società partecipata Sogenus, tenuto conto soprattutto che lo stato giuridico attuale, che consente a Sogenus di operare in house providing, dipende proprio da questi contratti di servizio stipulati con CIS: senza essi, Sogenus non esisterebbe come società pubblica.

 

5) Pertanto, CIS Srl, oltre ad avere il 38% di quote azionarie, di fatto, in virtù del suo ruolo, configurerebbe Sogenus quale società sottoposta a controllo pubblico, in osservanza dell’art. 2359 del Codice Civile.

6) Alla luce di quanto sopra esposto, riteniamo che Ciotti, amministratore di Anconambiente Spa e Direttore Generale di Multiservizi Spa, non potrebbe ricoprire la carica di amministratore in Sogenus Spa.

 

Concludiamo facendo notare al presidente Gitto che l’“autorevole parere legale” da lui citato non ha sicuramente la forza di un’eventuale pronunciamento dell’ANAC, che, tra l’altro, non ci risulta sia stato richiesto da Sogenus Spa o dal Comune di Maiolati Spontini o da Anconambiente o dagli altri soci.

Peraltro, ci risulta che anche sulla compatibilità della Sua nomina a presidente di Anconambiente Spa dovrà pronunciarsi la magistratura contabile a seguito di un esposto depositato dal M5S di Ancona lo scorso maggio (http://vivere.biz/aJjO), poiché è noto che la professione di docente o ricercatore universitario è del tutto incompatibile con cariche amministrative in società di capitali:

 

Attività non consentite ai professori e ricercatori sia a tempo pieno che a tempo definito:

 

 

  • svolgimento di un’ulteriore attività lavorativa presso enti pubblici e privati (art. 8 L. n. 311/1958 – art. 34 DPR n. 382/1980 – art. 1 L. n. 158/1987);
  • esercizio del commercio e dell’industria (art. 11 DPR 382/1980). L’incompatibilità è da collegarsi all’ufficio di pubblico dipendente e non al regime di impegno prescelto.

 

 

Costituisce esercizio del commercio e dell’industria:

-ogni attività imprenditoriale compresa l’attività artigianale;

-la partecipazione in qualità di socio a società di persone (Snc, Sas, Ss) con l’esclusione dei casi in cui la responsabilità del socio è limitata per legge o per atto costitutivo della società;

l’assunzione della carica di presidente o di amministratore delegato di società di capitali (Spa, Srl, Sapa), esclusa la carica di presidente non operativo.

 

Può essere svolta in quanto non costituisce esercizio di attività imprenditoriale:

-la posizione di amministratore o di presidente di fondazioni o associazioni o altri enti senza fini di lucro;

-la posizione ricoperta, per legge, regolamento o statuto, in quanto esperto nel proprio campo disciplinare su designazione di enti pubblici, organismi a prevalente partecipazione pubblica, pubbliche amministrazioni o della stessa Università;

-la partecipazione, in qualità di esperto, senza deleghe operative, a consigli di amministrazione di società di capitali;

-la partecipazione come socio a società di capitali aventi fini di lucro, ma non l’assunzione di cariche gestionali (Consiglio di Stato, sez. IV, sentenza n. 271 del 4/06/1985).

 

Attività non consentite ai professori e ricercatori a tempo pieno:

 

 

  • assunzione, nell’ambito di società, di cariche che comportino l’esercizio di funzioni di amministrazione e rappresentanza della società (art. 8 Legge n. 311/1958 – art. 11 D.P.R. n. 382/1980 – art. 1 Legge n. 158/1987).
  • esercizio di attività libero professionale e di consulenza esterna (è fatto divieto essere titolari di partita IVA). Ad esempio, l’attività di docente universitario a tempo pieno è incompatibile con l’attività professionale di progettazione e di direzione dei lavori pubblici.

Il divieto di esercizio della professione deve intendersi riferito a tutte le professioni comprese quelle che possono essere svolte soltanto dai soggetti iscritti agli Albi professionali. I nominativi dei professori a tempo pieno vengono comunicati all’ordine professionale al cui albo i professori risultano iscritti al fine della loro inclusione in un elenco speciale.

Non si tratta di strumentalizzazione, ma è solo ricerca di chiarezza e rispetto delle norme”.
M5S Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.