Discarica Moie, il Consiglio di Stato: «Illegittimo l'ampliamento verticale». | Password Magazine
Festival Pergolesi

Discarica Moie, il Consiglio di Stato: «Illegittimo l’ampliamento verticale».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
CASTELBELLINO – Il Consiglio di Stato dichiara illegittimo l’ampliamento verticale della discarica La Cornacchia e dà ragione ai comuni di Castelbellino e Monte Roberto.
A darne notizia il Comune di Castelbellino sulla sua pagina istituzionale:
«Con la Sentenza 5766 del 02/10/2020, il Consiglio di Stato si è espresso relativamente al ricorso presentato dal Sindaco del Comune di Castelbellino Cesaroni e dall’ex Sindaco del Comune di Monte Roberto Giampaoletti, dichiarando illegittimo l’ampliamento verticale della discarica la Cornacchia.
Riassumiamo la questione. Il Comune di Castelbellino, dopo essere riuscito a bloccare il mega ampliamento della discarica la Cornacchia, promosso dal Comune di Maiolati e dalla Sogenus, che avrebbe permesso di abbancare rifiuti speciali per altri 10/12 anni, si è anche opposto al tentativo di aggirare le norme inventando un ampliamento verticale della discarica.
Il Comune di Maiolati Spontini e la Sogenus infatti presentavano un progetto che sotto le spoglie di una riprofilatura prevedeva in realtà un ampliamento verticale consistente nel guadagnare un metro in altezza sostituendo la copertura in terreno vegetale con un telo impermeabile, e guadagnando un ulteriore metro adducendo che l’assestamento dei rifiuti abbancati permetteva di caricare di un metro il profilo autorizzato. Progetto che veniva autorizzato dalla Provincia di Ancona e che ha permesso il prosieguo dell’attività della discarica dal 2017 al 2019.
I Comuni di Castelbellino e Monte Roberto presentavano ricorso al Tar Marche contro tale autorizzazione.
Il Tar si pronunciava respingendo il ricorso dei due Comuni. Poiché l’intenzione della Sogenus era di continuare ad applicare questa formula anche alle restanti parti della discarica già chiusa, atto che avrebbe permesso un ulteriore allungamento della vita della discarica di altri 4/5 anni, grazie anche all’intervento degli avvocati Aldo Alessandrini e Gianfranco Borgani che, non convinti delle motivazioni addotte, hanno voluto scavare a fondo, i due Comuni decidevano di presentare istanza al Consiglio di Stato.

Con la sentenza pubblicata oggi (2 ottobre, ndr) il Consiglio di Stato accoglie le istanze dei due Comuni e pone una pietra tombale sulla questione: l’ampliamento verticale era illegittimo.

Purtroppo i tempi, seppur celeri, della legge hanno fatto sì che la sentenza arrivasse quando gli abbancamenti erano già avvenuti. Nel frattempo è intervenuta la decisione dell’attuale Amministrazione di Maiolati Spontini che ha deciso di non andare avanti con altre riprofilature e pertanto la discarica è ora definitivamente chiusa.
Chi ripagherà i cittadini che si sono dovuti sorbire due anni di abbancamenti illegittimi?
Resta la soddisfazione di aver operato nell’interesse dei cittadini a fronte di scelte scellerate e, seguendo il buon senso, di aver avuto ragione nel pur complicato marasma legislativo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.