Discarica Moie, progetto ampliamento/riprofilatura: il Consiglio di Stato riapre la vicenda | | Password Magazine

Discarica Moie, progetto ampliamento/riprofilatura: il Consiglio di Stato riapre la vicenda

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Discarica La Cornacchia, progetto di ampliamento/riprofilatura: un’ordinanza del Consiglio di Stato riapre la vicenda. Secondo quanto riferito anche dai gruppi M5S di Maiolati e di Jesi: «Con ordinanza n. 6978 del 14 ottobre in merito al ricorso presentato dai comuni di Castelbellino e Monte Roberto, il Consiglio di Stato ha ingiunto alla provincia di Ancona di fornire chiarimenti su alcuni aspetti dell’iter autorizzatovi del progetto di riprofilatura della discarica di Moie, proprio sui punti che come M5S di Maiolati e Jesi sollevammo durante l’iter della Valutazione di Impatto Ambientale ed in sede di una infuocata Conferenza dei Servizi il 28 aprile 2017 – precisano i grillini -. Quel giorno, per oltre 6 ore, ci trovammo a fronteggiare la Regione Marche, oltreché Comune di Maiolati e Sogenus su un aspetto dirimente ai fini dell’ottenimento dell’autorizzazione: l’individuazione del “progetto originario” sul quale calcolare la soglia del 30% per un intervento di “modifica sostanziale”, così come previsto dal vigente PRGR, requisito essenziale per far scattare il criterio localizzativo della distanza minima di 2000 m dal centro abitato. L’ordinanza non è una sentenza, ma un documento propedeutico al giudizio, che comunque contiene i principali elementi che saranno riportati nell’atto definitivo.

Ad ogni modo, i contenuti dell’ordinanza sono perfettamente in linea con le nostre osservazioni, allora purtroppo non accettate dalla Autorità competente al rilascio dell’autorizzazione, cioè la Provincia.

Questa notizia riapre la vicenda, che sembrava ormai quasi definitivamente conclusa. Tutto ciò ci conforta soprattutto per il lavoro fatto in questi anni, che ci ha visto sempre presenti e vigili sull’operato delle istituzioni.

Peccato che in quella conferenza dei servizi il sindaco Consoli, presente come allora primo cittadino di Poggio San Marcello, non diede supporto alle nostre osservazioni: magari avrebbe potuto fare qualcosa di concreto contro questo ennesimo ampliamento nel momento in cui serviva, piuttosto che riscoprirsi paladino della chiusura dell’impianto a scoppio ritardato, oltre due anni dopo.

Un velo ancora più pietoso va steso, a nostro parere, sul sindaco di Jesi Bacci che, in sede di assemblee soci di Sogenus in cui si è trattato degli ampliamenti della discarica, ci risulta praticamente… non pervenuto.

Continueremo a seguire il contenzioso al Consiglio di Stato: sarà interessante infatti vedere cosa risponderà la Provincia ai 12 pesanti punti di richiesta di approfondimenti del Consiglio di Stato e, soprattutto, se sarà il caso di presentare controdeduzioni da parte dei due Comuni ricorrenti».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.