Discarica, rinvio di sentenza sull'ampliamento. Castelbellino indice incontro pubblico | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Discarica, rinvio di sentenza sull'ampliamento. Castelbellino indice incontro pubblico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CASTELBELLINO – Si è svolto ieri mattina, presso la Sala consiliare della residenza municipale di Castelbellino, l’incontro pubblico indetto dall’Amministrazione, in segno di trasparenza e necessità di rendicontazione pubblica su quanto è emerso venerdì mattina alla Conferenza dei Servizi per l’Autorizzazione Integrata Ambientale per l’Ampliamento della Discarica Cornacchia. “La seduta è stata sospesa e rinviata in attesa di una ripresa nei prossimi giorni per una serie di motivazioni –  ha dichiarato questa mattina il sindaco di Castebellino Andrea Cesaroni – Mancavano i pareri di enti interessati, altri contributi sono arrivati in corso d’opera: motivi, questi, che hanno spinto il Dirigente Responsabile del Procedimento a richiedere la sospensione”. In aula erano presenti cittadini, dipendenti Sogenus, esponenti del Comitato difesa diritti civici, legalità e beni comuni, alcuni rappresentanti della minoranza consiliare di Maiolati Spontini e la consigliera regionale M5S Romina Pergolesi.

La tanto attesa sentenza della Conferenza dei Servizi sarà decisiva in merito al progetto di un ampliamento della discarica, destinato ai rifiuti speciali, avanzato dal Comune di Maiolati Spontini nel 2013. Se la Provincia si dovesse esprimere negativamente in merito, la discarica dovrà rinunciare ad espandersi per altri 15 ettari a sud dell’attuale dislocazione. L’impianto, inoltre, non risulta più nella programmazione del nuovo Piano Regionale dei Rifiuti , approvato dalla Giunta regionale in data 2 febbraio 2015, in quanto definito “in esaurimento” e non supererebbe una serie di criteri per la regolamentazione della gestione dei rifiuti, tra cui i fattori di pressione comunali, intercomunali e provinciali oltre che distanze da centri abitati e da luoghi sensibili (scuole ecc).

 All’incontro pubblico, il Sindaco Cesaroni ha illustrato dapprima le dinamiche di svolgimento della Conferenza: c’erano i rappresentanti dell’Arpam,  il consulente per il Comune di Maiolati Spontini dott. Marcello Comai e il dott. Enrico Davoli per l’ Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario NEGRI di Milano. Presente anche l’ASUR che, tuttavia, avrebbe fatto pervenire un contributo poco incisivo ai fini decisionali dato che non forniva alcuna indicazione sui procedimenti in corso.

Nel susseguirsi dei vari interventi, durante la seduta si accende più volte il dibattito sui possibili effetti che la discarica produrrebbe o meno ai danni della salute e sul tipo di indagine da intraprendere per dimostrare o escludere un reale aggravamento in atto.

In un clima di confusione generale, arriva però una nota dalla Regione a scardinare completamente la conferenza: l’autorizzazione dell’impianto dovrà essere fornita nel rispetto della nuova programmazione regionale dei rifiuti – dice la nota – e non rispetto al vecchio piano provinciale. In particolare, secondo la normativa vigente, spetterebbe proprio agli organi regionali la competenza di decidere in merito al trattamento dei rifiuti speciali.

Alla luce dei nuovi fattori, il rinvio della seduta diventa dunque inevitabile: “Il responsabile di procedimento ha richiesto la sospensione in attesa della ripresa nel più breve tempo possibile . Una sconfitta perché credo che la questione vada trattata con il buon senso – ha concluso il Sindaco – Come Comune di Castelbellino ci siamo presi sulle spalle grandi responsabilità: la nostra è una battaglia non per i soldi ma per la salute pubblica. E’ necessario concordare insieme un progetto di fine vita della discarica, così come era stabilito fin dall’inizio, e un piano di riconversione, pensando anche a quei dipendenti Sogenus che perderanno il lavoro ma che potrebbero essere ricollocati presso il nuovo gestore unico che sarà incaricato dall’ATA (l’assemblea territoriale d’ambito provinciale per la gestione integrata dei rifiuti) o negli impianti di Corinaldo”.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.