Distretto cicloturistico, in bici dalla sorgente alla foce dell'Esino

JESI – Una bella partecipazione ad “Esino in bici”, la passeggiata su due ruote lungo il fiume per far conoscere il distretto cicloturistico che si intende realizzare dalla sorgente alla foce. Un progetto che vede coinvolti  tutti i Comuni su cui si scorre il fiume,  il Consorzio Esino Frasassi e delle Grotte, la Riserva di Ripa Bianca.

Domenica mattina i partecipanti che si sono dati appuntamento davanti alla stazione di Serra San Quirico non sono rimasti delusi. A guidare il gruppo per 40 chilometri fino a Falconara, con pausa pranzo alla Riserva di Ripa Bianca, gli assessori all’ambiente di Jesi, Cinzia Napolitano, di Maiolati, Fabrizio Mancini e di Agugliano, Paolo Belelli che hanno commentato: Lo scopo di questa iniziativa, la prima realizzata, è far conoscere il distretto e il progetto che c’è dietro. Ora attendiamo i bandi regionali per finanziare la realizzazione degli ultimi tratti. Far sapere che ben 18 Comuni collaborano per la realizzazione di un progetto così importante è un bel messaggio. Il distretto cicloturistico oltre a promuovere l’uso della bicicletta anziché dell’auto, rivolto all’ambiente ed al futuro dei nostri figli è qualcosa di serio e di importante. È un progetto che valorizza il nostro territorio, va a beneficio dei cittadini ma sarà apprezzato anche dai turisti“.

Anche Interporto Marche ha aperto i cancelli per consentire ai ciclisti di attraversare la proprietà, senza dover percorrere la statale, di fatto mai toccata dal percorso. Al termine, il treno ha riportato i partecipanti al punto di partenza.

“La passeggiata – ha aggiunto l’assessore Napolitano – ha mostrato ai partecipanti la bellezza del percorso del Distretto Cicloturistico della Vallesina che tocca scorci davvero unici, che pochi conoscono. Valorizzare questa ricchezza attraverso un progetto che rispetta il fiume e la natura, favorendo una mobilità e un turismo che non crea impatti sull’ambiente, è l’impegno forte che Jesi, Comune capofila, insieme agli altri Comuni presenti lungo l’asta fluviale si sono assunti ed hanno intenzione di portare a compimento. Per quanto ci riguarda abbiamo già affidato l’appalto per i lavori di realizzazione della pista lungo l’Interporto che permetterà di collegare in sicurezza il territorio del Comune di Jesi con Chiaravalle ed Agugliano, lavori che dovrebbero essere completati per la prossima primavera”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*