«Distretto sanitario Moie, attese infinite» | Password Magazine
Festival Pergolesi

«Distretto sanitario Moie, attese infinite»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE- Attese troppo lunghe al distretto sanitario di Moie. A denunciare un malfunzionamento del servizio sanitario è una lettrice di Password e cittadina che, trovandosi al distretto di Via Trieste per un prelievo ha assistito a lungaggini inconcepibili. Ci riporta questo:

«Asur Moie: appuntamento per prelievo del sangue alle ore 7.30. Si aspetta fuori in piedi, di prima mattina. Molti gli anziani, disciplinati e attrezzati di mascherina, tutti ben distanziati.

La fila è lunga: a quell’ora chiamano la seconda persona. Chi arriva per primo si illude solo però di partire prima, perché gli sportelli aprono un’ora dopo!

Un’altra ora d’attesa, solo per pagare: e chi deve andare a lavoro? E gli anziani accompagnati da figli o conoscenti?

Altra fila da fare, alcuni sono addirittura rassegnati: non tutti possono sedersi all’interno per mantenere il limite numerico di persone, per via delle norme anti-Covid, e come faremo quando farà freddo, in pieno inverno?».

Una storia di ordinari disagi che si va ad aggravare nel momento in cui le persone, tra cui anziani, si trovano a dover attendere il proprio turno sotto il sole e magari anche a digiuno, come si richiede solitamente quando si devono svolgere le analisi del sangue o altri esami di routine.

La donna fa sapere di aver segnalato il problema anche ai Dirigenti Asur, con la richiesta di poter aprire lo sportello dei pagamenti alla stessa ora in cui iniziano i primi prelievi: « Una revisione dell’organizzazione risulterebbe essere stata sollecitata altre vo­lte – scrive la lettrice nella lettera all’Asur -. Ci si chiede se è così difficile aprire gli sportelli pagamento alla stessa ora dei prelievi.​ Chi decide gli orari dovrebbe certamente badare all’organizzazione interna dei servizi ma calarsi anche nei panni degli utenti che lavorano, prendono permessi, si fanno accompagnare. Non sono perdigiorno. Così come si è andati verso l’efficienza con i referti onlin­e, che riducono affollamenti, spostamenti, viaggi inutili…­si dovrebbe cercare di risolvere questo ‘sfasamento’ di orario e aprire gli spor­telli pagamento alla stessa ora dei prelievi, non un’ora dopo». La parola all’Asur.

A cura di Giovanna Borrelli

La nostra Redazione si mette a disposizione per dare voce ai cittadini della Vallesina.

Non esitate a contattarci attraverso i nostri canali social per aiutarci a denunciare malservizi o disagi!

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.