Distrutta la bacheca degli anarchici sotto la galleria anagrafe

JESI – Devastata la bacheca del Centro Studi Libertari “Lugi Fabbri”, posta nella galleria vicino all’anagrafe. Rotto il plexiglas che la ricopriva – in cui compare la scritta “Desiree, Si Tav”, e strappati i manifesti all’interno. Il testo dei manifesti riportava in un caso la pubblicità per la ricorrenza del 1 maggio che si terrà presso i locali di Via Pastrengo 2, e nel secondo caso alcune righe di solidarietà con lo sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Ipersimply, senza dimenticare quelli del Mercato di Monsano. «Nottetempo, si presume, qualche squadrista locale ha ben pensato di oltraggiare il valore antifascista della festa del 25 aprile – commenta il Centro Studi Libertari “Lugi Fabbri” – Peccato! Non tanto per la bacheca, non è la prima volta che ciò accade, quanto per il cattivo epilogo di una giornata che ha visto a Jesi, e nel paese, una partecipata mobilitazione per la festa della liberazione. Ovviamente non ci lasceremo intimorire e sottolineiamo che la migliore risposta allo squadrismo è il sostegno delle lotte degli sfruttati».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*