Divorzio facile, anagrafe già operativa

JESI – Ad un mese dall’entrata in vigore della legge sul “divorzio facile” – la possibilità cioè di separarsi consensualmente non più in tribunale, ma con la negoziazione assistita dell’avvocato o dinanzi al Sindaco quale ufficiale di Stato Civile – già diverse sono state le richieste di informazioni pervenute agli uffici dei Servizi Demograficii.

Superando lungaggini burocratiche e tensioni giudiziarie, il “divorzio facile” permette alle coppie che non hanno figli minori, maggiorenni non autosufficienti, maggiorenni incapaci, portatori di handicap grave e che non hanno controversie patrimoniali di avviare la pratica di separazione o divorzio, con un costo di 16 euro, presentandosi personalmente all’Ufficio di Stato Civile. La firma dell’accordo, da confermare dopo non meno di 30 giorni, avvia la pratica di separazione o divorzio.

Un passaggio che risulta semplificato anche con la negoziazione assistita presso lo studio di un legale, qualora si scelga questa strada, obbligatoria nel caso di figli non autosufficienti. In questo caso il legale formalizza la comunicazione al Tribunale che, con il successivo nullaosta del pubblico ministero, la trasmette allo Stato Civile per la registrazione entro 10 giorni.

Proprio per capire come meglio applicare le nuove procedure di separazione e divorzio e superare le prime difficoltà riscontrate individuando efficaci soluzioni operative, il Comune di Jesi si è fatto carico di organizzare con l’Anusca – Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d’Anagrafe – un incontro aperto ad oltre 50 ufficiali di stato civile della provincia di Ancona.

L’incontro, tenuto da Grazia Benini, funzionaria dei servizi demografici di Rimini ed esperta dell’Associazione, ha dato l’opportunità di chiarire i vari aspetti normativi, permettendo così agli Uffici di poter essere pienamente operativi. In considerazione del positivo riscontro registrato attorno a queste nuove procedure semplificate, vi è infatti la netta sensazione che potranno presto diventare il percorso principale che sarà intrapreso dalle coppie che intendono avviare la separazione o il divorzio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*