Domenico è tornato a casa: «La mia lotta in ospedale contro il covid» | Password Magazine

Domenico è tornato a casa: «La mia lotta in ospedale contro il covid»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – É rientrato a casa da qualche giorno dopo quasi un mese di ricovero per il covid Domenico Alessandrini, 61 anni, imprenditore jesino e presidente dell’associazione Monsub di Jesi. Un’odissea iniziata il 1 marzo con l’accusare dei primi sintomi: «Mi sentivo debole – racconta Alessandrini -. Ho dato colpa alla pressione bassa, poi però sono svenuto. A quel punto sono stato portato in ospedale e dal tampone sono risultato positivo». Per l’imprenditore jesino era solo l’inizio di un incubo: «Sono stato trattenuto in ospedale per tre giorni, poi i medici hanno ritenuto che potessi ricevere cure da casa». Ma di lì a pochi giorni le sue condizioni di salute peggiorano: «Forse il virus doveva ancora completare il suo corso – sostiene -. Quando sono arrivato di nuovo al Pronto soccorso, eravamo una trentina di pazienti con il covid, in attesa di essere trasferiti al reparto». Domenico trascorre più di dieci giorni al Pronto soccorso indossando il casco. «Era frustante – sostiene -. Questo forse è stato il periodo più difficile». Giorni davvero difficili: «Non accettavo le mie condizioni – spiega Alessandrini -. Ero infastidito dal casco, per me era quasi una condanna. Finché non me lo hanno tolto, continuavo ad avere pensieri negativi, temevo per la mia vita». Domenico racconta le difficoltà di quei giorni: impossibile dormire, il rumore costante lo tiene isolato dal mondo, cresce la preoccupazione nel vedere amici ricoverati anche loro per il covid.

«Anche i miei familiari erano stati contagiati ma solo ero in ospedale -. precisa Alessandrini -. L’unica cosa che mi dava sollievo era ricevere i loro messaggi, insieme a quelli degli amici. Sentire la vicinanza degli altri, seppur attraverso la tecnologia, mi dava sostegno». Poi in un istante tutto cambia. Domenico sente che deve tirar fuori la grinta: «Un giorno, uno in cui ero davvero abbattuto, un’infermiera mi si è avvicinata, mi ha preso la mano, me l’ha accarezzata. Dolcemente, mi ha parlato e incoraggiato. Un piccolo gesto di grande umanità per cui non posso che ringraziare. Ho capito che dovevo reagire». Da lì inizia a combattere, stavolta con uno spirito diverso. Gli tolgono il casco e lo portano al covid 2 e poi al reparto covid 4. Dopo quasi un mese di cure una settimana fa il ritorno a casa: «Devo ancora recuperare le forze ma stare tra le proprie mura domestiche è un altra cosa. Ora sono tranquillo – dice -. Rivedere moglie e figli è stato un bel traguardo. In quei giorni avevo in mente solo loro. Non pensavo né a lavoro né a tutto il resto, in quei giorni contavano solo gli affetti più cari». Da qui, un appello rivolto ai familiari dei ricoverati: «Non smettete mai di far sentire loro la vostra presenza. Messaggi, telefonate, videochiamate… sono davvero di conforto per chi è dentro, l’unico appiglio per recuperare la forza e reagire».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.