Domenico Luigi Valeri, il pittore jesino del’700 in mostra a Palazzo Bisaccioni

JESI – Sabato 7 aprile prenderà il via una nuova mostra permanente in una delle sale di Palazzo Bisaccioni: saranno esposte 14 tele del pittore, architetto e Cavaliere Domenico Luigi Valeri, uno dei pittori jesini più importanti e produttivi nelle Marche della prima metà del 1700.

È stata presentata questa mattina dalla Dott.ssa Sara Tassi, curatrice della mostra; Alfio Bassotti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Jesi e da Mauro Tarantino, segretario generale della Fondazione, sottolineando l’importanza della scoperta e riscoperta di questa figura jesina che in pochi conoscono, ma che tanto ha fatto per la città di Jesi.  “Un grazie alla Fondazione per la fiducia accordatami e per il sostegno ricevuto”, commenta la curatrice della mostra Sara Tassi del Museo Diocesano, sottolineando la forte collaborazione tra la Fondazione e il Museo, senza la quale la mostra non esisterebbe.

Le 14 tele provengono dalle chiese della Diocesi di Jesi e di Monsano, ed una dal Museo Diocesano di Jesi. Il loro restauro è stato promosso e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio Jesi con l’obiettivo di ridonare alla collettività un prezioso patrimonio artistico e storico: queste opere sono, infatti, a testimonianza dell’intensa attività del pittore durante il periodo jesino, in particolar modo degli anni 30 e 40 del 1700.

Domenico Luigi Valeri, insignito del titolo di Cavaliere per i suoi meriti artistici, riuscì ad ottenere il primato artistico sia a livello privato che religioso. Abile non solo nel campo artistico, ma anche in quello architettonico: fu sua la progettazione e l’ideazione del primo Teatro a Jesi denominato “Del Leone”, dell’Arco Clementino e della planimetria di Palazzo Pianetti. La mostra va dunque a raccontare le tre anime dell’artista: cavaliere, pittore e architetto.  La prima parte dell’esposizione sarà dedicata alla spiegazione di brevi cenni biografici e alla didascalia delle opere, e poi a seguire le varie opere dell’artista jesino, inclusi i disegni architettonici concessi dalla Biblioteca Planettiana.

“Il tutto per cercare di dare una visione a 360° di questo protagonista del ‘700 – conclude la Tassi – e per riaccendere la luce su questo pittore e permettere a tutti di fruire di quelle che sono le opere che Valeri fece per la nostra città attraverso una mostra che resterà a Palazzo Bisaccioni per 5 anni”.

L’inaugurazione sarà sabato 7 aprile alle ore 18 presso Palazzo Bisaccioni ed interverranno il Dott. Claudio Maggini, funzionario Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche, e la Dott.ssa Sara Tassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*