Don Rettaroli, ricordo ancora vivo a 50 anni dalla sua scomparsa | | Password Magazine

Don Rettaroli, ricordo ancora vivo a 50 anni dalla sua scomparsa

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Don Arduino Rettaroli in abito da Monsignore. La Casa in cui nacque nel 1901.

MOIE – Ricorre oggi il 50 anniversario dalla morte di Don Arduino Rettaroli, nato a Moie il 18 ottobre 1901 e venuto a mancare il 22 marzo 1971.

Figlio di una numerosa famiglia, è cresciuto con un forte legame alla terra, lavorando i campi e maturando un forte carattere, spontaneo e volitivo.

Laureatosi in Teologia, Don Rettaroli, venne ordinato sacerdote nel 1926, insegnò ai ragazzi delle scuole superiori e nel 1941 pubblicò Protestanti e Avventisti, un libro che ebbe una grande diffusione, edito da Verbum Roma.

Don Arduino fu impegnato in prima persona durante la seconda Guerra mondiale, nascondendo vari perseguitati e rischiò per questo anche la condanna a morte. Con la fine della guerra, dal 1945 al 1959 fu presidente di quella che poi diventerà l’ Opera Diocesana di Assistenza.

Nonostante i molti anni che sono passati, Don Rettaroli, con la sua propensione al continuo ascolto ed aiuto dei più bisognosi, continua a rimanere impresso nelle comunità, in cui ha dedicato gran parte della sua vita e del suo lavoro, come quella della parrocchia San Giuseppe di Jesi, di cui fu anche il primo parroco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.