Jesi: donne e partecipazione | Password Magazine
Festival Pergolesi

Donne e partecipazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Le relatrici invitate al convegno "Libertà è Partecipazione?Jesi e le donne"

Nel 2012, è possibile per la donna portare avanti con successo la carriera politica? Quali e quante difficoltà impediscono alle donne di partecipare alla gestione della cosa pubblica?

Si è svolta ieri l’assemblea pubblica dedicata al tema “Libertà è Partecipazione? Jesi e le Donne” e organizzata da JesiAmo presso l’Ostello di Villa Borgognoni.

Hanno preso parte al dibattito, Daniela Cesarini (candidata sindaco PRC), Antonella Donezelli, psicologa del lavoro, Egizia Mimmotti (consultorio La Famiglia), Michela Pergolini (candidata sindaco Lega Nord) e l’avvocato Antonella Ricci della FIDAPA.  A moderare l’incontro, la promotrice e organizzatrice dell’iniziativa Barbara Traversi di Jesiamo.

“Con questo incontro ho voltuo lanciare alle donne un appello, quello di impegnarsi per una maggiore partecipazione alla cosa pubblica – ha spiegato Barbara Traversi – I dati dimostrano che sono ancora poche le donne in politica – sia a livello locale che nazionale ed internazionale – e spesso gli ostacoli sono di origine culturale”.

“In una realtà maschile, la donna non riesce ad uscire dall’ambito domestico – commenta la candidata sindaco PRC Daniela Cesarini – Con i servizi sociali ridotti all’osso, quando invece farebbero comodo, è difficile per una donna farsi strada ma se la volontà è forte allora può farcela. Ed è proprio quando si parla di differenze che si valorizzano i diritti”.

“Come donna e come psicologa del lavoro, posso affermare che il valori principali della donna ruotano intorno ai concetti di  famiglia e maternità, un fenomeno culturale che spesso porta ad autolimitarci – spiega la dott.ssa Antonella Donzelli – Sul lavoro c’è una forte discriminazione, sia per quanto riguarda l’accesso al mondo del lavoro e la contrattualistica sia per la difficoltà di coinciliazione tra tempi per l’attività produttiva e quelli per la famiglia”.

Egizia Mimmotti ha raccontato la sua esperienza di donna che ha scelto, con non pochi rimpianti, la famiglia al lavoro proprio all’apice della sua carriera, trovando però un valido sostegno nel volontariato, attività che a tutt’oggi svolge con grande soddisfazione, occupandosi di coppie in crisi: “La solidarietà può sostenere le famiglie nei momenti di difficoltà –  ha detto – l’impegno nel sociale può aiutare a riscoprire i valori e tramandarli alle nuove generazioni”.

“La donna ha un’enorme forza e nonostante le mille difficoltà riesce ad affrontare tutto con il sorriso – spiega Michela Pergolini, candidata a sindaco per la Lega Nord – Ogni donna dovrebbe ritagliare uno spazio per se stessa che potrebbe essere nella politica, nel sociale o in qualsiasi altra attività: volere è potere ma la società deve dare alle donne il segnale che la coinciliazione tra tempi di lavoro e tempi in famiglia sia possibile”.

“E’ davvero difficile coinciliare lavoro e figli – conclude Antonella Ricci, avvocato e membro della FIDAPA – Le donne possono fare molto, anche più degli uomini, ma devono trovare un supporto nei servizi sociali e, ancor prima, nella legge”.

a cura di Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.