Donne in sciopero, "Otto punti per l'8 marzo" | Password Magazine

Donne in sciopero, “Otto punti per l’8 marzo”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Donne e uomini ieri pomeriggio al Palazzo dei Convegni per l’incontro “Otto punti per l’8 marzo” a cura delle associazioni del Coordinamento donne Jesi. Sul tavolo dei relatori c’erano angela Balzano, attivista di Non una di Meno, Samantha Nisi che ha vissuto la formazione del movimento in Argentina, Carla Cantatore dell’Udi, Antonella Andreoni del centro antiviolenza di Ancona e operatrice dello sportello jesino. “Il movimento non una di meno, rappresentato dalla matriosca, simbolo di inclusione, è nato in Argentina dove viene uccisa una donna ogni trenta ore – ha raccontato Nisi – Il Movimento ha destato subito molto interesse tra le donne argentine che ben presto sono scese in piazza per rispondere chiaro e forte al femminicidio che altro non è che l’uccisione di una donna in quanto tale”. Il Movimento è sorto anche in Italia e lo scorso novembre ha portato a Roma almeno 200mila persone per condannare la violenza maschile. “Scioperiamo per questo” ha aggiunto Paola Sabbatini di Spaziostello ricordando l’appuntamento dell’8 marzo a Jesi. “Lo sciopero internazionale delle donne #LOTTOMARZO contro la violenza di genere in tutte le sue forme: oppressione, sfruttamento, sessismo, razzismo, omo e transfobia – spiegano le attiviste – L’8 marzo incrociamo le braccia interrompendo ogni attività produttiva e riproduttiva. La violenza maschile contro le donne non si combatte con l’inasprimento delle pene ma con una trasformazione radicale della società. Scendiamo in strada ancora una volta in tutte le città con cortei, assemblee nello spazio pubblico, manifestazioni creative. Scioperiamo per affermare la nostra forza”. A Jesi l’appuntamento è alle 1830 con il corteo che dall’inizio della zona pedonale di Corso Matteotti arriva in Piazza della Repubblica. Il serpentone sarà preceduto da un musical-camion che fungerà poi da palco su cui si terranno interventi e letture sui temi dello sciopero, alle 19.30 il flash mob “Lotto Marzo e Ballo” sulla coreografia internazionale di OneBillionRising, con alle spalle il Teatro illuminato di viola, continuando a manifestare contro la cultura patriarcale e la violenza di genere.

(e.d.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.